Aveva ragione Carlos Bacca…?

Sia che si guardi alla passata stagione sia che si guardi a quella in corso, Carlos Bacca vince il confronto con Nikola Kalinic… e con Vincenzo Montella.

chiudi

Caricamento Player...

Diciamoci la verità: in molti, dopo aver appreso che dei vari Benzema e Aubameyang al Milan sarebbe arrivato Nikola Kalinic, avevano sollevato dubbi sulla mini rivoluzione in attacco che ha portato alla cessione di Carlos Bacca. L’attaccante colombiano era ormai ai ferri corti con Vincenzo Montella a causa dei due modi differenti di vedere il ruolo della prima punta. Bacca non metteva in pratica i dogmi dell’allenatore – ma segnava – ed è sceso nelle gerarchie del tecnico fino a una cessione preannunciata già prima della stagione 2016-2017.

Carlos Bacca segna, il Milan no

Alla luce dei gol messi a segno fino ad oggi dall’attacco del Milan (pochi) e alla luce di quelli segnati da Carlos Bacca in Spagna con la maglia del Villareal (cinque tra campionato ed Europa League), viene il sospetto che l’attaccante colombiano avesse ragione. Magari non giocava per la squadra ma la metteva dentro con una continuità impressionante. Al momento, sia che si guardi alla passata stagione sia che si guardi a quella attuale, non c’è paragone tra Bacca e Kalinic. Il croato sicuramente deve ancora adattarsi al sistema di gioco di una squadra che fino a questo momento ha cambiato spesso undici titolari e sistema di gioco. Il tempo per ribaltare le statistiche c’è, vedremo se ci saranno anche i margini per farlo.