Avviso bonario: cosa fare quando se ne riceve uno?

Un’opportunità per regolarizzare la propria posizione

chiudi

Caricamento Player...

Un contribuente la cui situazione fiscale non sia in regola può ricevere un avviso bonario: cosa fare per non incorrere in sanzioni.

Cos’è un avviso bonario?

Il nuovo corso del fisco italiano mira a favorire in ogni modo la collaborazione di un contribuente che risulti inadempiente.

L’avviso bonario è uno degli strumenti con cui l’Agenzia delle Entrate intende raggiungere questo obiettivo: si tratta di una semplice comunicazione con la quale viene notificata al cittadino una qualsiasi irregolarità in una sua dichiarazione. 

Non necessariamente un avviso bonario viene consegnato a seguito di un mancato pagamento: può capitare che ad essere segnalate siano delle semplici inesattezze, come una scorretta compilazione di un modulo.

Se  dopo aver verificato la propria situazione fiscale il contribuente dovesse trovare illegittimo l’invio dell’avviso, potrà recarsi in un qualsiasi sportello territoriale dell’Agenzia delle Entrate – Riscossione e presentare la documentazione necessaria a dimostrare di essere in regola.

Avviso bonario: cosa fare quando se ne riceve uno?

Se l’avviso bonario dovesse essere stato inviato per segnalare un effettivo inadempimento fiscale, il contribuente è invitato a mettersi in regola compilando un modello F24 e procedendo al pagamento di quanto dovuto. E’ possibile estinguere il proprio debito con il fisco rateizzando la somma fino a un massimo di 20 rate trimestrali.

Se il contribuente non dovesse regolarizzare la propria posizione dopo aver ricevuto l’avviso bonario, le imposte dovute saranno riscosse mediante l’iscrizione a ruolo nella cartella di pagamento. Si intende per ruolo l’elenco dei cittadini che siano in debito con un ente creditore e la cartella di pagamento è il documento con cui l’ente creditore non solo comunica ma intima al debitore di versare quanto dovuto.

Le cartelle di pagamento inoltrate da Equitalia sono passate attualmente sotto la responsabilità dell’ente pubblico di recente costituzione Agenzia delle Entrate – Riscossione.
certificato_unicasim