Una bambina di tre anni è morta a Piacenza dopo due giorni di agonia. La piccola è finita in acqua nella piscina di casa.

PIACENZA – Una bambina di tre anni è morta a Piacenza dopo due giorni di agonia. La piccola, secondo quanto riportato da La Repubblica, si trovava ricoverata all’ospedale di Bergamo dopo essere caduta nella piscina di casa. Le condizioni sono sembrate sin da subito molto gravi con i medici che hanno annunciato il decesso nella mattinata di giovedì 6 agosto 2020.

Una tragedia che ha sconvolto l’intera città piacentina con la Procura che ha aperto un’indagine per cercare di ricostruire meglio la dinamica di quanto accaduto.

La ricostruzione della vicenda

La piccola era con la famiglia quando, per motivi ancora da accertare, è finita in acqua. L’allarme è scattato dalla madre che si è accorta della presenza della figlia nella piscina di casa dopo qualche minuto.

Immediati i soccorsi con i medici di Piacenza che hanno deciso di trasferirla a Bergamo per le condizioni molto gravi. 48 ore di agonia per la piccola con il decesso avvenuto nella mattinata di giovedì 6 agosto 2020. Inutili i tentativi da parte dei medici che non hanno potuto fare altro che constatare la morte.

Ambulanza
Ambulanza

Indagini in corso

La Procura di Piacenza ha aperto un’indagine per cercare di ricostruire meglio la dinamica di questa vicenda. I motivi che hanno fatto finire la piccola in acqua non si conoscono con gli inquirenti che nelle scorse ore hanno interrogato la famiglia della piccola per provare ad accertare meglio quanto accaduto.

Il magistrato potrebbe autorizzare l’autopsia sulla bambina per capire le cause della morte. Un decesso che ha sconvolto l’intera città di Piacenza visto che episodi simili non accadono tutti i giorni. Anche se nel mese di luglio un altro bambino era caduto in una piscina sempre in questa zona.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
cronaca evidenza Piacenza piscina

ultimo aggiornamento: 06-08-2020


Online i verbali del Comitato Tecnico Scientifico. I testi

Usa, Procura di New York contro la lobby delle armi. Trump difende NRA