Un bambino di otto anni è morto ad Arezzo dopo una caduta dal terzo piano. Era il figlio più piccolo di un ex calciatore.

AREZZO – Tragedia ad Arezzo nella serata di sabato 16 maggio 2020. Un bambino di otto anni è morto dopo essere precipitato dal terzo piano della propria abitazione.

Le condizioni del piccolo sono sembrate subito molto gravi con il personale del 118 che lo ha trasportato d’urgenza in ospedale in attesa del trasferimento al Meyer di Firenze. Purtroppo, però, i medici non hanno potuto fare altro che constatare la morte poco dopo l’arrivo al nosocomio. La Procura ha aperto un’inchiesta per accertare meglio la dinamica di questo incidente che ha sconvolto l’intera comunità aretina.

L’incidente

L’incidente è avvenuto nella serata di sabato 16 maggio 2020. L’allarme è stato lanciato dai genitori che molto probabilmente hanno assistito alla tragedia in diretta. Il tonfo sorso del corpo è stato sentito anche dai vicini che sono già stati ascoltati dagli inquirenti.

Le testimonianze parlano di un urlo pochi istanti dopo la caduta che potrebbe essere stato quello dei genitori. Le condizioni del piccolo sono sembrate sin da subito molto gravi con i medici dell’ospedale di Arezzo che non hanno potuto fare altro che constatare la morte del piccolo. La Procura sta accertando meglio la dinamica dell’incidente per ricostruire quanto successo nell’abitazione di Arezzo.

Ambulanza
Ambulanza

Morto un bambino ad Arezzo, era il figlio più piccolo di Michele Bacis

L’incidente ha colpito l’intera comunità di Arezzo. Il bambino, infatti, era il figlio più piccolo di Michele Bacis, ex calciatore della Fiorentina e dell’Arezzo. Il calciatore ha vestito le maglie delle due squadre quando era in Serie B mentre negli ultimi anni ha allenato la squadra amaranto nei dilettanti.

Una personalità molto conosciuta, quindi, nella cittadina toscana con molti ex colleghi ed amici che nelle prossime ore andranno a salutare per l’ultima volta il piccolo.


E’ morto Fred Willard, l’attore aveva 86 anni

Papa Francesco all’Angelus: “La Parola di Dio ci è data come Parola di vita”