Banca Etruria, Padoan: “Non ho autorizzato nessun ministro ai colloqui”

Il ministro dell’economia Pier Carlo Padoan si sofferma anche sul caso Banca d’Italia: “La riconferma di Visco? Decisione ispirata alla continuità istituzionale”.

ROMA – Giornata chiave per la questione banche quella odierna. Il Ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, è stato ascoltato dalla Commissione d’inchiesta sulle banche. Il primo caso affrontato è stato quello di Etruria: “Io – dichiara – non ho mai autorizzato nessuno e nessuno mi ha un’autorizzazione, la responsabilità di questo settore è in capo al Ministro delle Finanze che di abitudine ne parla con il Presidente del Consiglio“.

Il numero uno dell’Economia si è soffermato anche sul caso Banca d’Italia: “La conferma di Visco è stata ispirata alla continuità istituzionale in un contesto in cui seppure in fase di miglioramento dell’economia, l’andamento dell’Italia continua ad essere importante. Si è voluto dare un segnale importante ai mercati. Pur riconoscendo che in alcuni casi la vigilanza poteva fare meglio, ciò avveniva in un contesto di cambiamento delle norme europee e di crisi economica“.

Maria Elena Boschi al “Messaggero”: “Voglio far credere che il problema delle banche sia io”

Sul caso Banca Etruria questa mattina attraverso le pagine del ‘Messaggero’ era intervenuta anche il ministro Boschi: “Vogliono far credere – dichiara – che il problema delle banche sia io. Ma è una strumentalizzazione tanto meschina quanto evidente. Sono un volto facile da colpire. Il governo PD ha penalizzato la mia famiglia non l’ha aiutata”.

Ricevi le ultime notizie in Real Time, lascia la tua email qui sotto:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 18-12-2017

Francesco Spagnolo

X