I genitori di Matteo Renzi, Tiziano Renzi e Laura, a processo per bancarotta. Il caso è legato al fallimento delle cooperative Delivery Service Italia, Europe Service e Marmodiv.

I genitori di Matteo Renzi, Tiziano Renzi e Laura Bovoli a processo per bancaraotta fraudolenta e emissione di fatture false. La richiesta è legata al fallimento delle cooperative Delivery Service Italia, Europe Service e Marmodiv. Oltre che per i Renzi, vanno a processo altri 14 soggetti.

La Procura di Firenze, processo per i genitori di Matteo Renzi

Erano una ventina le persone indagate per il fallimento delle cooperative Delivery Service Italia, Europe Service e Marmodiv. Le accuse sono, a vario titolo, quelle di bancarotta fraudolenta e emissione di fatture false.

La Procura di Firenze aveva chiesto il processo anche per Tiziano Renzi e Laura Bovoli, genitori di Matteo Renzi, leader di Italia Viva ed ex Presidente del Consiglio.

Il processo per bancarotta fraudolenta e emissione di fatture false

I genitori di Matteo Renzi vanno quindi a processo per bancarotta fraudolenta ed emissione di fatture false. La prima udienza avrà luogo il prossimo 1 giugno alle ore 9 del mattino.

La decisione del gup era attesa visto il tipo di vaglio a cui è questo chiamato per legge. È però emersa, già dalle carte, la prova dell’infondatezza del castello accusatorio, il cui accertamento necessariamente dovrà avvenire in dibattimento. Confidiamo quindi di poter confutare la tesi inquisitoria in tale sede“, ha dichiarato l’avvocato dei Renzi come riferito da il Fatto Quotidiano.

Tribunale
Tribunale

L’arresto di Tiziano Renzi e Laura Bovoli

Proprio nel corso delle indagini sul caso, i Renzi erano stati arrestati lo scorso mese di febbraio del 2019. L’ipotesi è che i soggetti abbiano in qualche modo pilotato e propiziato il fallimento delle tre cooperative in questione. Un sistema collaudato e pianificato messo regolarmente in atto.


Cosa sappiamo sull’uccisione dell’ambasciatore italiano in Congo: la scorta, lo scontro a fuoco e il rapimento

Maria Elena Boschi in Procura: “Perseguitata da uno stalker”