Bancarotta Gruppo Tecnis, quattro arresti e beni sequestrati

Bancarotta Gruppo Tecnis, quattro arresti

Quattro persone sono state arrestate per la bancarotta del Gruppo ‘Tecnis Spa’, una delle principali aziende italiane di costruzioni.

CATANIA – Quattro persone sono state arrestate per la bancarotta del gruppo Tecnis Spa, avvenuto nel giugno 2017. Il blitz della Guardia di Finanza è stato effettuato nella mattinata di venerdì 21 febbraio 2020 con le Fiamme Gialle che hanno sequestrato beni per un valore complessivo di 94 milioni di euro.

I fermati sono stati posti agli arresti domiciliari in attesa dell’interrogatorio di garanzia che servirà per chiarire meglio la loro posizione.

Bancarotta ‘Tecnis Spa’, in manette quattro imprenditori

I fermati sono tre imprenditori e un prestanome. Secondo quanto ricostruito dalla Procura, gli arrestati hanno condotto delle “criminose azioni predatorie spogliando la società di quasi 100 milioni di euro nel quadriennio 2011-2014, aggravandone il dissesto e rendendola insolvente […]“.

La compagnia criminale – precisano gli inquirenti in conferenza stampa – è stata finanziata da mezzi tratti dalla società poi finita in amministrazione straordinaria, non remunerata per il malcelato finanziamento, e realizzava distinti compendi societari senza dover ricorrere all’investimento di proprie risorse“. Le indagini proseguiranno nelle prossime settimane per capire se anche altre persone sono state coinvolte in questa associazione oppure il lavoro di truffa era fatto solo dai quattro fermati.

Guardia di Finanza
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/Guardia-di-Finanza

Le accuse contestate

La Procura ha emesso un mandato di custodia cautelare per i quattro arrestati con l’accusa di bancarotta fraudolenta per distrazione. I fermati si trovano ai domiciliari in attesa dell’interrogatorio di garanzia. L’ordinanza non dovrebbe cambiare ma gli inquirenti vogliono ricostruire meglio la posizione delle persone coinvolte nella vicenda.

Le indagini non si fermeranno e proseguiranno nelle prossime settimane. Non possiamo escludere anche l’iscrizione di altre persone sul registro degli indagati ma molto dipenderà anche dalle parole degli stessi arrestati. La vicenda della bancarotta di Technis sembra essere ormai alla conclusione almeno per quanto riguarda la fase d’inchiesta.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/pg/Guardia-di-Finanza

ultimo aggiornamento: 22-02-2020

X