Bandito scippa orologio a ragazzo in Porsche. Il 26enne lo insegue facendolo cadere. Per il pregiudicato un trauma cranico.

MILANO – Il colpo dello specchietto poteva trasformarsi in tragedia. Secondo quanto raccontato dal Corriere della Sera, un bandito ha scippato un orologio a un ragazzo in Porsche. Immediata la reazione del 26enne che ha inseguito il pregiudicato per recuperare il suo Patek Philippe da 38mila euro.

La caccia si è conclusa con la moto contro il palo e una delle due persone a bordo finita in ospedale. Tra di loro anche Espedito Torino, un bandito molto conosciuto in Italia. Le condizioni del 46enne sono gravi anche se non sembra in pericolo di vita.

Il tentativo di rapina

Per impossessarsi dell’orologio i due rapinatori hanno utilizzato la truffa dello specchietto. Il motorino ha urtato la macchina con il conducente che abbassa il finestrino per sistemare il retrovisore. In questo momento scatta lo scippo che il più delle volte si è rivelato infallibile visto che con un secondo mezzo la coppia riesce a prendere l’oggetto.

Questa volta, però, c’è stata la reazione del ragazzo che li ha inseguiti per recuperare il suo orologio da 38mila euro. Una caccia che si è conclusa con lo scontro da parte di un motorino e il palo. Le condizioni del bandito sono gravi anche se non sembra essere in pericolo di vita.

Ambulanza
Ambulanza

Indagini in corso

La Procura ha aperto un’indagine per cercare di ricostruire meglio la dinamica di questo incidente. Da chiarire se il conducente della Porche abbia tamponato volontariamente il motorino oppure si è trattato di una manovra sbagliata in un momento concitato con la pioggia che ha reso tutto più complicato.

Ricerche in corso anche sul complice del ladro ricoverato in ospedale. L’uomo è riuscito a fuggire a piedi e far perdere le tracce subito dopo l’incidente.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
cronaca milano orologio truffa dello specchietto

ultimo aggiornamento: 23-09-2020


Pacco bomba al Presidente di Confindustria Brescia

Caso Suarez, il Codacons prepara un esposto alla Figc