Il bando per la cessione del marchio di Alitalia è stato pubblicato. L’ex compagnia di bandiera vede vicino la fine della propria attività.

ROMA – E’ stato pubblicato il bando per la cessione del marchio di Alitalia. La società in amministrazione straordinaria, come riportato dall’Ansa, ha pubblicato su diversi quotidiani tutti i dettagli per poter completare la vendita del brand agli interessati.

Nelle prossime settimane potrebbero arrivare le prime richieste. Si tratta anche di un passaggio fondamentale per poter ottenere quei soldi necessari a rispondere a quanto detto dall’Unione Europea.

Il bando

Il bando pubblicato sui diversi quotidiani è precisato che “nell’ambito della procedura di amministrazione straordinaria Alitalia Sai, i commissari intendono procedere alla cessione del brand […]. La procedura sarà aggiudicata provvisoriamente sia nella prima fase che nella seconda fase al prezzo più elevato offerto anche in seguito di proposte di rilancio“.

Gli esiti della proposta – si legge ancora – saranno sottoposti al Ministero dello Sviluppo Economico e diventeranno efficaci e definitivi solo successivamente al rilascio da parte del Mise della prescritta autorizzazione, anche tenuto conto della congruità del prezzo offerto. In caso di vittoria il concorrente dovrà impegnarsi a non utilizzare il brand in modo contrario alla legge o all’ordine pubblico e, in ogni caso, a non utilizzare il brand per attività ovvero per forme di comunicazione che possano recare pregiudizio all’immagine di un qualunque Stato membro dell’Unione Europea, in abito economico, culturale, turistico e trasportistico“.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Alitalia
Alitalia

I commissari: “Il marchio Alitalia patrimonio storico”

I commissari hanno ricordato come “il marchio Alitalia rappresenta un patrimonio valoriale e culturale storico, radicato nell’immaginario condiviso italiano. Questa operazione si prefigge di tutelare la persistenza del nome e del logo nel panorama del trasporto aereo e di mantenere vivo il legame con la nostra comunità“. Si avvicina, quindi, la fine dell’ex compagnia di bandiera.

ultimo aggiornamento: 17-09-2021


I lavoratori senza Green Pass potranno essere sostituiti. Ma solo nelle piccole aziende

Green Pass obbligatorio anche sul taxi e a casa. Come funzionano i controlli per tassisti, elettricisti e idraulici