L’infettivologo genovese Matteo Bassetti ha parlato in modo critico di come la politica stia trattando il tema delle mascherine.

Il tema delle mascherine, in Italia, è estremamente dibattuto. Moltissime figure sono contrarie al prolungamento dell’obbligo di indossare la mascherina al chiuso, in quanto tale misura è ritenuta eccessiva per lo stato attuale della pandemia. Eppure, altri esperti ritengono che le mascherine siano ormai obsolete come misura protettiva. In tutto ciò, la politica sta a guardare: dal 15 giugno in poi, le mascherine al chiuso dovrebbero essere abbandonate. Eppure, non c’è ancora la certezza assoluta che questa misura sarà effettivamente implementata. Questo il commento dell’infettivologo Matteo Bassetti in merito alla situazione.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le parole dell’infettivologo

In merito alle mascherine, siamo di fronte a uno spettacolo ignobile della politica, devo dire che il rischio forte è di inficiare quel che di buono è stato fatto prima. Con questo balletto ‘la levo e poi la metto’, le persone sono disorientate e confuse. Non si sa se è giusto o meno usare la mascherina e c’è una gravissima responsabilità del ministero della Salute che ha avuto voci discordanti: Speranza ha parlato in un certo modo, molto diverso rispetto ai sottosegretari. Non si capisce quale sia la vera volontà del ministro. Insomma, stiamo rasentando il ridicolo. Anzi, ci siamo dentro. Perdiamo tempo su queste cose, mentre andrebbe detto oggi cosa il Governo farà a ottobre, ma dal ministro Speranza non sento indicazioni. Chi compra i vaccini, dove si faranno, chi li dovrà fare? Si naviga a vista con tanto pressappochismo”. Queste le dichiarazioni di Matteo Bassetti all’AdnKronos.

Matteo Bassetti
Matteo Bassetti

Stando all’infettivologo, dopo un certo momento sarebbe stato giusto dire che la mascherina era raccomandata o fortemente raccomandata ad anziani, fragili o dove non si può mantenere il distanziamento. Invece – commenta Bassetti – si è detto che la mascherina al seggio si può togliere perché i dati epidemiologici sono migliorati. Ma dove? Sono peggiorati nell’ultima settimana. Non si raccontino le balle agli italiani. La decisione è stata solo politica – afferma Bassetti – E siccome anche la mascherina a scuola è una decisione politica del ministro dell’Istruzione Bianchi, che ha addirittura detto che è un insegnamento, non si sa di cosa, si assuma la responsabilità di questo. È il ministro che lo vuole e non la scienza”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 10-06-2022


La Russia ha condannato a morte due cittadini britannici

Russia: in Ucraina missione compiuta