La BCE alza i tassi
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Bce alza i tassi di un quarto di punto, al 4,25%: Inflazione troppo alta

BCE Banca Centrale Europea

La Banca centrale europea ha deciso di alzare i tassi d’interesse di un quarto di punto percentuale.

L’annuncio è arrivato ieri dalla Banca Centrale Europea (Bce): i tassi di interesse sono stati alzati di un quarto di punto percentuale. La mossa, pur essendo attesa da diversi analisti, ha generato reazioni nel panorama economico e finanziario europeo e mondiale.

La Bce ha portato il tasso sui rifinanziamenti principali al 4,25%, quello sui depositi al 3,75% e quello sui prestiti marginali al 4,50%. Un’azione che riflette l’obiettivo di contrastare l’inflazione elevata e costante che attanaglia l’economia dell’Eurozona, a seguito della crisi pandemica e delle tensioni globali.

Come fare soldi con le criptovalute e guadagnare?

“L’inflazione continua a scendere ma ci aspettiamo che resti ancora troppo alta per troppo tempo” ha dichiarato la Bce. Tale decisione non è stata presa alla leggera. Infatti, benché l’inflazione stia mostrando segnali di declino, le prospettive a lungo termine evidenziano che la situazione potrebbe rimanere critica per un periodo prolungato. Un’inflazione sostenuta porta con sé una serie di preoccupazioni economiche, incluse la riduzione del potere d’acquisto dei consumatori e l’instabilità dei mercati finanziari.

L’alzata dei tassi, tuttavia, non è una soluzione senza rischi. Alcuni economisti hanno espresso preoccupazione che un aumento dei tassi d’interesse possa rallentare la crescita economica, un effetto che potrebbe essere particolarmente dannoso nel contesto di un’economia che cerca ancora di recuperare dal trauma della pandemia del COVID-19. Un aumento dei tassi d’interesse può rendere più costoso per le imprese prendere in prestito denaro per investire e espandersi, e può anche scoraggiare il consumo da parte dei cittadini.

BCE Banca Centrale Europea percentuale tassi interesse
BCE Banca Centrale Europea

Tuttavia, la Bce sembra aver valutato questi rischi e aver deciso che l’azione per contenere l’inflazione è necessaria. Questo aumento dei tassi d’interesse è il primo da quando la Bce ha iniziato il suo programma di stimolo per rispondere alla crisi finanziaria e alla pandemia. Si tratta di un’indicazione che la Bce vede una necessità urgente di fare fronte all’inflazione, e potrebbe essere un segnale che altre mosse per normalizzare la politica monetaria potrebbero essere all’orizzonte.

Questa decisione è un ulteriore indicatore del cambiamento nel panorama economico globale. Dopo anni di tassi d’interesse molto bassi, volti a stimolare la crescita e la ripresa, le banche centrali di tutto il mondo stanno iniziando a guardare con crescente preoccupazione all’inflazione. Anche la Federal Reserve degli Stati Uniti ha recentemente alzato i suoi tassi di interesse in risposta all’inflazione elevata.

In conclusione, l’aumento dei tassi di interesse da parte della Bce rappresenta un passo significativo verso la normalizzazione della politica monetaria. Nonostante i rischi, la mossa è un segnale che l’inflazione elevata è una preoccupazione centrale per le banche centrali. Sarà fondamentale monitorare da vicino l’andamento dell’economia per valutare l’effetto di queste politiche nei prossimi mesi.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 27 Luglio 2023 14:44

Nubifragio a Milano: cosa succederà agli alberi abbattuti?

nl pixel