La Bce lascia invariati i tassi di interesse. Christine Lagarde raccoglie l’eredità lasciata da Mario Draghi e prosegue il cammino avviato dal suo predecessore.

La Bce cambia guida ma non cambia politica e tiene invariati i tassi di interesse, che restano a zero. La Lagarde resta allineata al percorso inaugurato dal suo predecessore Mario Draghi e conferma la posizione assunta dalla Banca Centrale Europea negli ultimi mesi.

Christine Lagarde
fonte foto https://www.facebook.com/christinelagarde/

La Bce lascia invariati i tassi di interesse

Christine Lagarde ha il suo vero esordio ufficiale con la prima riunione di politica monetaria e ha confermato l’impressione di voler seguire il sentiero tracciato da Mario Draghi.

La nuova numero uno della Banca Centrale Europea ha lasciati invariati i tassi e ha dichiarato che la situazione non cambierà fino a quando le prospettive di inflazione non faranno registrare un livello inferiore al 2%.

Banca centrale europea
Fonte foto: https://www.facebook.com/Banca-Centrale-Europea

Quantitative Easing

La Lagarde ha confermato che dallo scorso primo novembre la Bce ha riavviato gli acquisti netti previsti dal programma di Quantitative Easing e ha fatto sapere che il provvedimento annunciato da Mario Draghi proseguirà fino a quando i dati e le proiezioni lo consiglieranno. Gli acquisti dovrebbero terminare poco prima il nuovo aumento dei principali tassi di interesse da parte della Bce.

Bce, le stime sul Pil per il 2019

Per quanto riguarda il Pil. le stime legate al 2019 prevedono una crescita dell’1,2%. Il dato, sempre stando alle previsioni, dovrebbe calare leggermente nel 2020, quando si dovrebbe chiudere l’anno con il dato al +1,1%. Ma la tendenza generale nel futuro a medio termine è positiva e dovrebbe portare a una lenta ma costante crescita.

Di seguito il video della conferenza stampa

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Bce Christine Lagarde economia evidenza

ultimo aggiornamento: 12-12-2019


Manovra, svolta anche nel calcio femminile

Manovra 2020, via libera della Commissione Bilancio del Senato: le ultime novità