Fabio Panetta, membro del Comitato esecutivo della Bce, ha dichiarato che dovrebbero poter servire ulteriori stimoli oltre a Recovery e Pepp.

FRANCOFORTE – Fabio Panetta, membro del Comitato esecutivo della Bce, ha rilasciato una intervista a El Pais. E il banchiere italiano ha rimarcato che gli stimoli da parte degli organi comunitari debbano essere massicci.

Bce, ambizioni e stimoli

Serve maggiore ambizione” ha detto Panetta, riferendosi al bisogno dell’area euro di far fronte ai danni inflitti al tessuto economico dalla pandemia. I quali, secondo il 61enne di Roma, “sono maggiori di quanto non si veda ora“. E per farlo il membro italiano della Bce guarda oltre quanto già disposto dall’Unione Europea contro lo shock pandemico: “Dobbiamo rendere operativo lo strumento di Recovery Ue da 750 miliardi di euro e dovremmo valutare se fornire maggiore sostegno fiscale per riportare la domanda al suo potenziale più velocemente“, dice Panetta.

La ricetta di Panetta

Infine, Fabio Panetta ha ricordato: “Abbiamo spazio di manovra perché abbiamo usato solo una parte degli 1,85 miliardi del Pepp“, il Pandemic Emergency Purchase Programme. “Se spendiamo questi soldi e siamo ancora al di sotto dell’obiettivo (inflazione al 2%, ndr), allora dovremo fare di più…“, altrimenti l’attesa potrebbe essere più dannosa del rischio.

https://www.youtube.com/watch?v=ednpi7n04HE&ab_channel=RCSACADEMY

La biografia

Nato a Roma l’1 agosto 1959, Fabio Panetta è laureato in Economia e Commercio all’Università Luiss di Roma e possiede un Master of Science in Economics presso la London School of Economics. E’ entrato in Banca d’Italia nel 1985, scalando le posizioni fino al vertice, avvenuto nel 2019. Dal 1 gennaio 2020 è diventato membro del Comitato esecutivo della Bce.


Usa, sindacati restano fuori da Amazon: i lavoratori votano contro

Acs mette sul piatto 10 miliardi per Autostrade. E i Benetton potrebbero rimanere dentro…