Beckham: “Che ricordi al Milan, era come stare in famiglia”

Il campione inglese ha speso parole d’elogio per la società rossonera: “Spero possa tornare a lottare per grandi traguardi”, ha dichiarato David Beckham.

chiudi

Caricamento Player...

Professionista esemplare, fuoriclasse in campo, leader fuori. Questo – e molto altro – è David Beckham. I tifosi del Milan hanno imparato ad amarlo, perché Becks, nelle stagioni trascorse in rossonero (sei mesi nel 2009, altrettanti nel 2010), ha dato tutto, onorando la maglia. “Ho tanti ricordi belli del mio periodo qui – ha dichiarato il campione inglese ai microfoni de La Gazzetta dello Sport – un periodo speciale. Il club, i tifosi e la città mi hanno accolto a braccia aperte. Mi è piaciuto giocare per il Milan e vivere in Italia. Mi è mancata Milano, mi è mancata l’Italia”.

Il Milan, l’ambiente e i suoi tifosi gli sono rimasti nel cuore: “Era come stare in famiglia – ha affermato Beckham alla rosea – eppure il Milan è un club con una storia lunghissima, lo percepisci ogni volta che vai a Milanello o giochi a San Siro. Ho amato la gente, il cibo, gli amici che mi sono fatto…”. Becks è ovviamente legato alla vecchia proprietà rossonera, ma è fiducioso per il futuro del club: “Anche se rispetto moltissimo la vecchia dirigenza, devo dire che c’è molta eccitazione e grandi aspettative per quello che i nuovi proprietari stanno facendo. Spero il Milan possa tornare a lottare per i traguardi ai quali era abituato”.

David Beckham al Milan: 33 presenze e 2 gol

Nel corso dell’intervista, l’ex fuoriclasse di Manchester United, Real Madrid e Los Angeles Galaxy ha parlato anche del nostro campionato: “La Serie A è ancora uno dei campionati più competitivi e appassionanti. Le squadre hanno avuto meno successi all’estero negli ultimi tempi, ma sembra che i grandi club stiano tornando al top e possano ricominciare a inseguire obiettivi di prestigio”.