Belluno, incendi nell’Agordino. Salvati i due escursionisti rimasti bloccati a quota 1.650 metri nel canale della Besausega. Abitanti chiusi in casa.

Incendi nell’Agordino (Belluno), dove dal pomeriggio tre focolai stanno causando danni e disagi nella zona con le fiamme che stanno avvolgendo gli alberi e il fumo che si sta propagando nell’aria.

Belluno, incendio nell’Agordino

L’incendio si sarebbe originato nella zona della valle di san Lucano, nel comune di Cencenighe Agordino, a Belluno. Le fiamme alte e il fumo sarebbero visibili fino ad Agordo, che si trova nella Val Cordevole, distante diversi chilometri dal luogo dell’incendio. A causare il vasto rogo potrebbe essere stata la caduta di un albero sui cavi dell’alta tensione.

Incendio Belluno
Fonte foto: https://twitter.com/cnsas_official

Due escursionisti bloccati a quota 1.650 metri: salvati dai soccorritori

Stando a quanto emerso nel tardo pomeriggio della giornata di mercoledì (24 ottobre ndr) due ragazzi sarebbero rimasti bloccati a quota 1.650 metri  nel Canale della Besausega. La notizia è stata confermata dagli uomini del Soccorso Alpino. Le condizioni meteo e il forte vento impediscono ai soccorritori di recuperare i due per via aerea. I due sono stati salvati dai soccorritori.

Vigili del Fuoco e Soccorso Alpino al lavoro

La preoccupazione dei soccorritori è che il forte vento possa trasportare il fumo in prossimità dei centri abitati causando gravi disagi alla popolazione. I Vigili del Fuoco sono intervenuti sul posto e hanno inizialmente arginato i tre focolai per evitare che potessero ulteriormente propagarsi. Successivamente sono iniziate le operazioni di spegnimento del vasto incendio, reso difficoltoso proprio dal forte vento che alimenta le fiamme. Le autorità hanno invitato i cittadini a non abbandonare le proprie abitazioni e a tenere chiuse le finestre.


Dj Fabo, la Corte Costituzionale chiede alle Camere di legiferare

Caso Cucchi, uno dei carabinieri: “Magari morisse”