BeON le lampadine intelligenti che imparano le nostre abitudini

Nate da un progetto Kickstarter, le lampadine intelligenti BeON hanno alcune caratteristiche uniche e ora sono un prodotto commerciale.

chiudi

Caricamento Player...

A volte la tecnologia vincente è quella che migliora una vecchia abitudine, come nel caso delle lampadine intelligenti BeON. Uno dei loro scopi infatti è quello si simulare la nostra presenza quando non siamo in casa, facendo da deterrente per ladri e malintenzionati, praticamente facendo in modo tecnologico quello che molti di noi hanno sempre fatto, cioè lasciare una luce accesa in casa quando si esce per dare l’idea che ci sia qualcuno.

L’illuminazione smart

Se si trattasse solo di questo, sarebbe una notizia al limite dell’umorismo, invece è un progetto molto più serio e funzionale. Prima di tutto perché queste lampadine intelligenti sono in grado di imparare le nostre abitudini e, una volta attivata la funzione di simulazione, sono in grado di imitarle per rendere più credibile la nostra presenza (e risparmiare, visto che non rimarranno sempre accese). Poi perché i creatori hanno deciso di sfruttare il “cervello” presente in ogni lampadina per fornire altre funzionalità: ogni lampadina infatti ha una parte centrale in cui sono alloggiati tutti gli elementi elettronici. Questa è sostituibile, in modo da poter essere rimpiazzata con versioni migliori in futuro, anche se già oggi offre svariate funzioni. Per esempio, il microfono integrato può essere usato per accendere le lampadine quando viene suonato il campanello, per permetterci di raggiungere comodamente la porta, oppure per accendere rapidamente la luce in caso di emergenza e creare un percorso sicuro verso l’uscita. I comandi e le istruzioni vengono dati attraverso un’App per smartphone gratuita, che si collega direttamente alle lampadine, che a loro volta si collegano automaticamente fra di loro per creare una rete domestica intelligente, senza bisogno di alcuna configurazione. Ciascuna lampadina inoltre ha una batteria interna che si ricarica automaticamente, per cui può essere accesa anche in caso di blackout o se gli interruttori di casa sono spenti, l’ideale per chi non ha un interruttore comodo all’ingresso.

Fonte foto copertina: BeON