Berlusconi: “600mila immigrati senza diritto di restare in Italia”

Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, ha parlato della questione immigrazione, puntando il dito contro la sinistra. L’ex Premier promette di riprendere la situazione in mano in caso di vittoria alle elezioni.

ROMA – “Oggi in Italia si contano 650mila migranti di cui solo il 5% ha diritto a restare perché rifugiati. Gli altri rappresentano una bomba sociale pronta a esplodere, vivono di espedienti e di reati. Almeno 600mila migranti non hanno il diritto di restare in Italia“. E’ quanto ha affermato Silvio Berlusconi in un’intervista al Tg5. Il leader di Forza Italia ha poi enunciato alcuni numeri, raffrontando il periodo in cui è stato capo del Governo: “Con noi al governo nel 2011 arrivarono 4.400 immigranti; con i quattro governi della sinistra – accusa  Berlusconi – sono arrivati nel 2013 170.000 immigrati, nel 2014 150.000, nel 2016 181.000 e nel 2017 119.000 Il risultato è che oggi abbiamo almeno 630.000 immigrati, di cui solo 30.000 hanno il diritto di restare perché rifugiati. Altri 600mila sono bomba sociale pronta a esplodere, perché pronti a compiere reati“.

Problema sicurezza

Berlusconi propone la soluzione: “Esiste un problema sicurezza nelle città e noi consideriamo una priorità assoluta riprendere il controllo della situazione. Quando saremo al governo investiremo molte risorse per garantire la sicurezza degli italiani. Tra le altre misure rilanceremo l’istituto del poliziotto e del carabiniere di quartiere e riprenderemo l’operazione strade sicure con tutti i nostri soldati nelle città“.

Ricevi le ultime notizie in Real Time, lascia la tua email qui sotto:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 05-02-2018

Fabio Acri

X