Dopo 9 anni Silvio Berlusconi è tornato in Senato. Ma sembra stanco e malfermo, oltre ad essere stato abbattuto dai suoi alleati.

Ieri nel suo ritorno dopo 9 anni tra gli scanni di Palazzo Madama, Silvio Berlusconi sembrava malfermo e stanco che a stento riusciva a sorreggersi in piedi. Quando si spostava nell’Aula era sempre accompagnato e sorretto da qualcuno dei suoi. Seduto al suo scanno invece meditava sul suo taccuino dove c’erano i nomi degli azzurri da far entrare nel governo Meloni.

Come descrive Mattia Feltri su La Stampa, viene ripreso sempre “imbronciato mentre si scopre irrilevante e sconfitto e manda grillescamente a quel paese Ignazio La Russa”. Silvio Berlusconi si è scoperto in minoranza in questa maggioranza e per la prima volta, di non contare quasi nulla. Come ha sottolineato Bersani a Otto e Mezzo, la sua rabbia è giustificata dal fatto che tutti quelli che ora gli dicono di no, li ha creati lui.

Silvio Berlusconi
Silvio Berlusconi

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Meloni batte il Cavaliere e si libera di Ronzulli

Se non fosse per Berlusconi, come ricorda Feltri, che ha costituzionalizzato un partito secessionista e un altro postfascista inducendole al federalismo e a una destra repubblicana, i suoi eredi, o come li chiama lo stesso Berlusconi “i miei figli” non gli pongono veti e non gli concedono quello che vuole. Quello che vuole però purtroppo non è qualcosa per lui, ma per alcuni tra suoi che non valgono tutto questo scoramento da parte sua.

“Mi fa male vederlo nell’illusione di una potenza ormai sfumata, e il poco rimasto lo spende molto malamente per eventuali ministre e ministri di caratura rionale” scrive accuratamente Mattia Feltri. Meloni con la vittoria di La Russa, anche grazie ai voti dell’opposizione, ha vinto una battaglia ma ha vinto soprattutto su Berlusconi e il caso Ronzulli. Con il non voto di protesta che non ha avuto nessun effetto sperato, ma ne è uscito solo indebolito.

Con questo non voto ora Berlusconi non può avanzare pretese, soprattutto su Ronzulli che sembra ormai fuori dai giochi. Giorgia Meloni è riuscita a non farsi intimidire dai ricatti del Cavaliere e ha giocato d’anticipo tenendo sempre il coltello dalla parte del manico. Si può dire, come ha detto Feltri, “che in trent’ anni alla vecchia sinistra non è riuscito quello che alla nuova destra è riuscito in tre minuti: abbatterlo.”

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Speciale Governo

ultimo aggiornamento: 14-10-2022


Governo Meloni: si sciolgono i nodi con la Lega ma non con FI

Governo: Forza Italia da sola al Quirinale