Il leader di Forza Italia alle prossime elezioni politiche. Berlusconi accusa la forza di Grillo mentre su Salvini e Meloni afferma che le differenze sono minime.

Silvio Berlusconi è sempre più al centro della scena politica, in attesa della decisione dell’Alta Corte europea, chiamata a esprimersi sulla candidabilità o meno del leader di Forza Italia. In ogni caso, l’ex Premier è in campo in vista delle elezioni politiche del 2018.

Nuovo processo sul caso Ruby

Due giorni fa, da Siena, è giunta per Berlusconi una nuova tegola: la Procura del capoluogo toscano ha deciso per il rinvio a giudizio nell’ambito del Ruby ter con l’accusa di corruzione in atti giudiziari: “In questi ultimi casi non c’è nulla di nuovo, sono accuse inconsistenti che vengono riproposte ogni volta che entriamo in una campagna elettorale. Credo che gli italiani sono intelligenti e hanno capito di cosa si tratta. Aspettiamo Strasburgo…“, ha dichiarato l’81enne di Arcore al Tg3.

Alleati, intesa vicina

Poi, Berlusconi ha affrontato il tema delle alleanze all’interno del centro-destra, spiegando: “Con Meloni e Salvini ci sono differenze che riguardano cose secondarie; noi siamo uniti sulle cose fondamentali quelle che interessano gli italiani, meno tasse e aiuto a chi ha bisogno”.

Occhio al M5S

Infine, Berlusconi mette in guardia gli elettori dal rischio derivante dal partito di Beppe Grillo: “Se alle elezioni politiche dovesse prevalere una forza come il Movimento 5 Stelle andremmo veramente verso la rovina. Perché gli italiani dovrebbero votare per me? Intanto mi hanno già dato più di 200 milioni di voti in questi ultimi anni, ma è il mio senso del dovere che mi impone di essere in campo“.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione


Salvini: “Biotestamento? Preferisco pensare ai vivi…”. E scoppia la polemica

M5S, Luigi Di Maio: “Renzi e Boschi chiedano scusa al Paese”