Elezioni, Berlusconi: “Io in campo o come centravanti o come allenatore”

Il leader di Forza Italia è stato ospite di “Porta a Porta”. Nel corso della trasmissione, Silvio Berlusconi si è detto fiducioso e ha sostenuto che la Lega sarà superata.

ROMA – Silvio Berlusconi è stato ospite negli studi di “Porta a Porta”, notissima trasmissione di Rai Uno condotta da Bruno Vespa. Il leader di Forza Italia ha parlato immediatamente del proprio ruolo alle prossime elezioni politiche: “Io sarò in campo: farò la punta se sarò candidabile, sennò farò l’allenatore“. Berlusconi è in attesa di sapere dalla Corte Europea se potrà essere in lista oppure no.

La rivalità con Salvini

Forza Italia e Lega Nord si giocano il ruolo di partito-guida del centrodestra. Sul tema, Berlusconi non ha dubbi: “Forza Italia avrà sia più seggi sia più voti. Mi rimprovero di non aver saputo conquistare il 51% dei voti degli italiani. Questa volta ci riuscirò. Per come è concepita la legge elettorale e per come sono i numeri all’interno della coalizione, sarà sicuramente Forza Italia ad avere più seggi“. Poi, l’ex premier ha precisato: “Guardo con grande preoccupazione al momento degli accordi. Salvini ha un suo modo di agire, certe volte troppo prorompente nella comunicazione ma quando si siede a un tavolo è sempre molto razionale e dimostra sempre buon senso. Non ho nessuna preoccupazione sull’accordo dentro la nostra coalizione. Noi non siamo concorrenti ma alleati“.

La lotta per i seggi

In ottica elezioni, Berlusconi ha affrontato anche il tema della distribuzione dei collegi: “Si farà un’assegnazione percentuale uguale a quello che i sondaggi dichiarano delle forze in campo. Credo che l’unico modo corretto sia prendere i sondaggi di 3-4 case e vedere le percentuali. Altra cosa è il fatto di decidere se quel collegio va alla Lega, a Forza Italia o a Fratelli d’Italia. Ho proposto di considerare il miglior candidato possibile. Ogni volta, per ogni collegio, si deciderà quale sarà il migliore“.

ultimo aggiornamento: 17-11-2017

X