Guido Bertolaso non correrà per diventare sindaco di Roma. L’ex numero uno della Protezione Civile: “Confermo la mia intenzione di non candidarmi”.

ROMA – Guido Bertolaso non sarà il candidato del Centrodestra per il ruolo di sindaco di Roma. Nonostante il pressing del Centrodestra, l’ex numero uno della Protezione Civile ha smentito un possibile cambio di posizione.

Il post sui social

La posizione è stata confermata da Guido Bertolaso con un post sui social: “Arrivando in Lombardia ai primi di febbraio per contribuire alla campagna di vaccinazione, avevo chiarito fin da subito che non avrei potuto considerare altri impegni pubblici compreso il sogno di costruire un futuro migliore per la città più bella del mondo, ridotta ad imbarazzante caravanserraglio della peggiore gestione dai tempi di Romolo e Remo“.

Ho ripetuto il mio diniego più volte e in diverse occasioni, motivandolo con ragioni personali che hanno assoluta priorità. Sono lusingato dai continui e ripetuti apprezzamenti e ringrazio quei concittadini che in vari modi mi esortano a cambiare idea, ma il mio futuro prossimo è già scritto lontano da Roma. Chiedo rispetto e comprensione per questa mia decisione e prego di evitare, da oggi in poi, di coinvolgere il mio nome nel toto candidati“.

Guido Bertolaso
Guido Bertolaso

Sindaco Roma, corsa a tre in attesa del Centrodestra

Le elezioni a sindaco di Roma si avvicinano e il Centrodestra deve sciogliere ancora i dubbi. Il passo indietro di Bertolaso potrebbe portare alla scelta di una donna per sfidare Virginia Raggi, Roberto Gualtieri e Carlo Calenda, ma ancora nessuna scelta è stata fatta.

Pd e M5s hanno deciso di presentarsi separati a questa corsa al Campidoglio. Una scelta che molto probabilmente escluderà una delle due dal ballottaggio e per questo i partiti stanno ragionando su una possibile alleanza al secondo turno per provare a battere il Centrodestra, vero favorito in questa ‘lotta’.


Lazio, le linee guida ‘gender’ per le scuole pubbliche. Protesta la Lega, l’ufficio regionale ritira la circolare

Il 28 maggio l’ok di Ema al vaccino Pfizer per i ragazzi dai 12 ai 15 anni