Il regista Bertrand Tavernier è morto all’età di 79 anni. La notizia della scomparsa è stata data dalla moglie e dai figli.

PARIGI (FRANCIA) – Nuovo lutto nel mondo del cinema. E’ morto all’età 79 anni il regista francese Bertrand Tavernier. L’annuncio della scomparsa è stato dato dalla moglie e dai figli con un breve post sulla pagina dell’Institut Lumiere, scuola che ha visto lo sceneggiatore e transalpino ricoprire il ruolo di presidente.

Massimo riserbo sulle cause della scomparsa. La famiglia ha preferito non comunicare il motivo della morte di uno dei registi più apprezzati in tutto il mondo.

Chi era Bertrand Tavernier

Nato a Lione il 25 aprile 1941, Bertrand Tavernier è cresciuto nel mondo dell’arte. Il padre, infatti, era scrittore e poeta oltre che fondatore della rivista Confluences.

Infanzia e adolescenza che lo ha avvicinato al mondo del cinema. Una passione che è prevalsa ai tempi universitari sugli studi di diritto. Nei primi anni della sua carriera si è dedicato ad un piccolo Cine Club per promuovere i film americani di Serie B. Esperienza affiancata da quella di critico cinematografico. Lavori che hanno permesso all’uomo di rafforzare la sua conoscenza di questo settore e negli anni ’60 la decisione di intraprendere la carriera di regista prima come assistente di Jean-Pierre Melville e poi in proprio con il lungometraggio L’orologiaio di Saint-Paul. Un film che ha vinto l’Orso d’Argento al Festival di Berlino.

Cinema
Cinema

Bertrand Tavernier morto

Una lunga esperienza nel mondo del cinema per il regista. La notizia della scomparsa è stata comunicata dalla famiglia nella giornata di giovedì 25 marzo. Massimo riserbo sulle cause del decesso da parte di moglie e figli che hanno preferito non comunicare altre informazioni sui motivi della morte di uno degli artisti più conosciuti in tutto il mondo.

Sui social in molti hanno voluto ricordare il regista e, al termine della pandemia, non si esclude la possibilità di un evento per omaggiare l’artista.


L’allarme della Cei: “La pandemia ha fatto esplodere le faglie sociali”

Dantedì, Roberto Benigni legge il XXV Canto del Paradiso nel Salone dei Corazzieri al Quirinale