Usa, Joe Biden contro Vladimir Putin: “È un killer”. E assicura: Pagherà per aver tentato di influenzare le elezioni presidenziali del 2020.

Joe Biden infiamma i rapporti con la Russia definendo Vladimir Putin un killer e assicurando che pagherà per aver tentato di influenzare le elezioni presidenziali del 2020.

Biden, “Putin è un killer”

Le dichiarazioni durissime di Joe Biden arrivano nel corso di un’intervista televisiva. “Lei conosce Vladimir Putin. Pensa che sia un assassino?“, chiede George Stephanopoulos di Abc al Presidente degli Stati Uniti. “Lo penso“, ha risposto Joe Biden, il quale ha assicurato che Putin pagherà un prezzo per aver tentato di influenzare le elezioni presidenziali del 2020, che si sono concluse con la sconfitta di Donald Trump e la vittoria dello stesso Biden.

Joe Biden
Joe Biden

Il rapporto dell’intelligence USA sulle elezioni presidenziali

Biden va all’attacco di Vladimir Putin il giorno dopo la pubblicazione del rapporto dell’intelligence Usa sulle ultime elezioni presidenziali. Stando a quanto riferito dall’intelligence, Mosca avrebbe autorizzato la campagna di denigrazione nei confronti di Biden evidentemente per aiutare Donald Trump nella corsa alla Casa Bianca.

Donald Trump
Donald Trump

Mosca, “Gli attacchi a Putin sono attacchi alla Russia”

Dura ed immediata la reazione di Mosca. Vyacheslav Volodin, Presidente della Duma di Stato, ha fatto sapere che con le sue parole “Biden ha insultato i cittadini del nostro Paese con la sua dichiarazione“. “Si tratta di isteria dovuta all’impotenza“, ha aggiunto Volodin, che poi rincara la dose: “Putin è il nostro presidente, gli attacchi contro di lui sono attacchi alla Russia“.

Mosca ritira l’ambasciatore

Mosca ha deciso di richiamare a mosca il proprio ambasciatore per fare il punto della situazione. “La nuova amministrazione Usa è al potere da quasi due mesi, la pietra miliare simbolica dei 100 giorni non è lontana, e questa è un’occasione appropriata per cercare di valutare in cosa la squadra di Biden sta facendo bene e in cosa no. La cosa principale è capire se si possono trovare modi per migliorare le relazioni russo-americane che sono in una condizione difficile e che Washington ha sostanzialmente spinto in un vicolo cieco negli ultimi anni. Siamo interessati a prevenire il loro degrado irreversibile, se gli americani capiscono i rischi che questo comporta” ha dichiarato la portavoce del ministero degli Esteri.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 17-03-2021


Irene Tinagli e Giuseppe Provenzano vicesegretari del Pd

Elezioni in Olanda, Mark Rutte verso un nuovo mandato