L'orribile storia di abusi in famiglia: bimba molestata per 6 anni
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

L’orribile storia di abusi in famiglia: bimba molestata per 6 anni

bambina triste che piange

La ragazzina è stata abusata per sei anni: dopo aver raccontato quanto subito, è partita la denuncia contro il padre.

Per sei anni la ragazzina, oggi 13enne, ha subito molestie sessuali da parte di suo padre, un 63enne bergamasco. Gli abusi sarebbero iniziati dopo la separazione con la madre: l’uomo approfittava dei momenti in cui era solo con sua figlia.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

bambina piange triste

Il racconto della ragazzina abusata dal padre

Quello che dovrebbe essere l’amore sicuro di un padre, si trasforma a volte in un incubo terrificante. A confessare quanto accaduto è stata la stessa ragazzina che, dopo lunghi anni di abusi da parte di suo padre, ha trovato il coraggio di raccontare tutto nel dicembre del 2022.

Le molestie sarebbero iniziate subito dopo che il 63enne si separò da sua moglie (madre della vittima). Secondo le accuse, l’uomo l’avrebbe palpeggiata, toccata e anche costretta a fare la doccia insieme quando i due erano da soli in casa.

La ragazzina ha subito violenze dai 6 ai 12 anni di età, e pare che l’uomo abbia molestato anche le amiche della figlia durate un pigiama party.

Il processo

La famiglia della vittima non si sarebbero mai accorta di ciò che stava accadendo in quegli anni, e del disagio che la stessa provava. Dopo le parole della 13enne, sua madre e suo fratello hanno denunciato immediatamente i fatti ai carabinieri.

Il 63enne in Tribunale ha negato tutte le accuse, per poi confessare parzialmente le sue responsabilità. Tramite i suoi avvocati, l’uomo ha chiesto di patteggiare. Tuttavia, il giudice per l’udienza preliminare ha rifiutato la sua richiesta, e il 23 maggio si andrà a processo con l’accusa di violenza sessuale aggravata.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 6 Ottobre 2023 16:35

Caso Regeni, la soddisfazione dei genitori: “Ora dignità per Giulio”

nl pixel