Formula 1, le dichiarazioni di Mattia Binotto, Charles Leclerc e Carlos Sainz dopo il GP d’Austria: “Quinta posizione è il risultato giusto per il nostro valore”.

Altro fine settimana in chiaro-scuro per la Ferrari che in Austria raggiunge l’obiettivo prefissato e si gode ancora una volta una gran prestazione di Charles Leclerc. Nel commentare il GP d’Austria Binotto non ha nascosto la sua delusione per i due contatti tra Perez e Leclerc, che hanno condizionato la prestazione del Predestinato.

GP d’Austria, Binotto: “La quinta posizione è il risultato giusto per il nostro valore”

La quinta posizione è il risultato giusto per il nostro valore, peccato per Charles, poteva far meglio. Con Perez ha trovato una situazione di scorrettezza. Abbiamo fatto la gara che dovevamo fare per conquistare il quinto posto. Abbiamo differenziato le strategie per avere delle chance in ogni caso, qualsiasi cosa fosse successa in gara. Carlos ha gestito molto bene le sue hard all’inizio.

Charles ha spinto molto bene quando è arrivato il momento giusto. Al momento del suo pit-stop abbiamo deciso e gli abbiamo comunicato di fare il contrario di Ricciardo. Ricciardo si è fermato e quindi lui è rimasto fuori. Sapevamo che fermandosi Perez ci avrebbe passato, ma in quel momento per noi era importante stare fuori, perdere magari del tempo ma poi ripresentarci in pista con delle gomme più fresche. Charles così, con gomme fresche, ha tentato i sorpassi che ha tentato”, ha dichiarato Mattia Binotto ai microfoni di Sky Sport.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Mattia Binotto
Mattia Binotto

Leclerc: “Perez troppo aggressivo, mi piace lottare al limite, ma così è troppo”

Anche Leclerc al termine della gara ha parlato dei contatti al limite con Perez, penalizzato dai giudici di gara: “Penso che Perez sia stato troppo aggressivo, infatti è stato penalizzato. Mi piace lottare al limite, ma così è troppo, penso si sia sentito via radio con l’adrenalina del momento, forse ho esagerato, ma di sicuro lui ha esagerato in pista e la gara si è messa in salita per me, perché avendo la strategia identica alla vetture attorno a me ero obbligato a sorpassare in pista“.

Charles Leclerc ha parlato anche delle ambizioni della Ferrari: “Stiamo lavorando per ridurre il distacco. Non guardiamo al terzo posto tra i costruttori quest’anno. Vogliamo battagliare per la vittoria al più presto possibile. Spingiamo al 200%. Speravo anche io di fare meglio dell’ottavo posto. Dobbiamo lavorare bene senza farci prendere dal panico, perché sarebbe controproducente“.

Charles Leclerc
Charles Leclerc

Sainz: “Le gare sono lunghe, serve essere pazienti”

È evidentemente soddisfatto Carlos Sainz, in pista con una strategia coraggiosa e bravo a gestire le gomme: “Sono felice. Ho fatto fatica all’inizio con la Hard, pensavo di non andare da nessuna parte. Finire quinto dimostra che le gare sono lunghe e che serve essere pazienti. È stata tutto sommato una gara bella e divertente: la partenza dura, ma poi è andata bene. Sono rimasto calmo e dopo 10 giri tutti intorno a me avevano degrado. Da lì in poi sono riuscito a essere più veloce“.

Sono contento perché abbiamo fatto una bella rimonta. È difficile passare questa McLaren: sono molto veloci, contro di loro il DRS non serve molto. Ho rischiato tanto in staccata di curva 3, ho preso una buona trazione e alla fine sono riuscito a passare Daniel. Siamo veloci in curva, non abbiamo niente da invidiare alla McLaren e non siamo nemmeno così lontani da Mercedes e Red Bull. In circuiti come questo, però, facciamo fatica perché ci sono tanti rettilinei“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non


Superbike, doppietta di Razgatioglu in Gran Bretagna. Rea a terra in Gara-2

Decreto Sostegni bis, verso 300 milioni per il mondo dell’auto. Gli incentivi