Doppia operazione dei Carabinieri contro Mafia e ‘Ndrangheta

Duro colpo alle associazioni criminali di Sicilia e Sardegna: i Carabinieri hanno arrestato 54 esponenti del clan Santapaola e fermato 116 sospettati di far parte del mandamento dello Jonio.

chiudi

Caricamento Player...

I Carabinieri di Sicilia e Calabria sono entrati in azione nelle ore notturne per eseguire quasi 200 arresti tra il catanese e il reggino nei confronti dei clan della Mafia e della ‘Ndrangheta.

Catania, colpito il narcotraffico

I militari del capoluogo etneo si sono introdotti nel rione San Giovanni Galermo, tra quelli più vicini al superboss Nitto Santapaola. I carabinieri hanno messo le manette ai polsi a 54 persone, indagate a vario titolo per associazione mafiosa, detenzione di armi, traffico di stupefacenti, estorsione e rapina. Il giro venuto alla luce fruttava qualcosa come 40mila euro a settimana dai proventi del traffico di stupefacenti. Inoltre, le indagini hanno fatto luce sulle dinamiche delle organizzazioni criminali operanti nella zona di Catania e sulle estorsioni nei confronti del mondo imprenditoriale e commerciale.

Duro colpo alla ‘Ndrangheta ionica

Praticamente in contemporanea, circa mille carabinieri hanno eseguito 116 fermi nella ionica reggina. Il Ros e i militari del Comando provinciale di Reggio Calabria sono entrati in azione contro i clan ritenuti il cuore pulsante di tutta l’organizzazione criminale calabrese. Gli indagati sono ritenuti responsabili a vario titolo di associazione mafiosa, estorsione, porto e detenzione illegale di armi, trasferimento fraudolento di valori, truffa ed altri reati, tutti aggravati dalla finalità di agevolare la ‘ndrangheta. Le indagini hanno permesso di fare luce e di ricostruire la gerarchia di 23 clan. Nell’operazione i Carabinieri sono stati coadiuvati da elicotteri, unità cinofile e militari specializzati nella localizzazione di bunker e cavità nascoste. I militari hanno portato alla luce l’esistenza di veri e propri tribunali per giudicare gli affiliati sospettati di violazioni delle regole del sodalizio criminale e stabilire le procedure per sanare faide all’interno delle ‘ndrine.