Due locali chiusi in provincia di Salerno. In entrambi i locali erano presenti più persone di quelle consentite dalle norme di legge.

La strage della discoteca in provincia di Ancona, dove sei persone hanno perso la vita anche a causa della presenza di più persone di quelle consentite dalle norme di sicurezza, ha avuto ripercussioni anche su altri locali della movida italiana.

Blitz dei Carabinieri, chiusi due locali in provincia di Salerno

Le prime operazioni sono scattate in provincia di Salerno, dove i Carabinieri hanno sequestrato e apposto i sigilli a due discoteche nelle quali è stata registrata un’affluenza di persone maggiore di quella consentita.

Stando alle prime informazioni, si tratterebbe in entrambi i casi della presenza di centinaia di persone in più rispetto al numero consentito. Gli uomini delle Forze dell’Ordine avrebbero riscontrato anche altre irregolarità.

Oltre alla chiusura dei locali in questione, i Carabinieri di Sala Consilina hanno comminato anche due multe da diciottomila euro ai titolari delle due discoteche, costrette alla momentanea sospensione delle attività.

Carabinieri NAS
Fonte foto: https://www.facebook.com/carabinieri.it/

I controlli all’interno dei locali: diverse le violazioni registrate

I controlli sono scattati all’interno della discoteca Be. Cool di San Pietro al Tanagro (in provincia di Salerno), dove erano presenti almeno quattrocento persone in più rispetto al numero consentito. Inoltre le uscite di sicurezza erano inagibili e risultavano bloccate sia dall’interno che dall’esterno.

Nel secondo locale, l’Officina Gambrinusi carabinieri hanno registrato la presenza del doppio delle persone consentite dalle norme di legge. Tra le altre violazioni riscontrate l’organizzazione di un concerto, a fronte di una licenza valida solo per la somministrazione di cibo e bevande, e una serie di violazioni per quanto riguarda le norme per la prevenzione degli incendi.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Campania cronaca evidenza salerno

ultimo aggiornamento: 09-12-2018


Mondo della navigazione in lutto, è morto Aldo Grimaldi

Corinaldo, l’appello di Mogol a Salvini: maggiori controlli preventivi