La BMW M2 Coupé allarga la gamma delle prestigiose vetture ad alte prestazioni realizzate dalla divisione Motorsport della Casa di Monaco. Dispone di 370 CV e può raggiungere i 270 km/h.

Nei primi anni Settanta la BMW realizzò la 2002 Turbo, una vettura ad alte prestazioni, potente e compatta, che spopolò tra gli appassionati sia in strada sia in pista. Nel periodo dal settembre 1973 al novembre 1974 furono prodotte complessivamente 1.672 BMW 2002 Turbo. Gli esemplari sopravvissuti sono oggi ricercatissimi pezzi da collezione.

Punti di forza della BMW 2002 Turbo erano l’eccellente dinamica di guida, la massima agilità e il controllo ottimale in ogni condizione d’impiego. A questi principi, ancora oggi validi si ispira la nuova BMW M2 Coupé che della 2002 Turbo vuole essere l’erede ideale del terzo millennio.

Grazie al motore sei cilindri in linea high-performance, all’agile trazione posteriore, al lightweight design dell’assetto sportivo M in alluminio e all’andamento aperto delle linee, la nuova BMW M2 Coupé ne ricalca lo spirito. Cattiva come le sue illustri antenate, la BMW M2 Coupé esprime la sua forte personalità già nell’aspetto grazie alla grembiulatura frontale abbassata con le grosse prese d’aria, alle fiancate muscolose con i caratteristici elementi a branchia M, ai cerchi in alluminio da 19 pollici nel tipico design M a raggi sdoppiati e alla bassa e larga sezione posteriore con lo speciale impianto di scarico M a doppi terminali.

Il motore da 3.000 cm3, sviluppato ex novo, grazie alla modernissima tecnologia M TwinPower Turbo eroga 370 CV (272 kW) a 6.500 giri/min. La coppia massima di 465 Nm è potenziabile temporaneamente tramite overboost fino a 500 Nm. Equipaggiata con l’optional cambio a doppia frizione M a sette rapporti (M DKG) e Launch Control, la BMW M2 Coupé scatta da 0 a 100 km/h in solo 4,3 secondi (4,5 secondi con cambio manuale a sei rapporti). La velocità massima è limitata dall’elettronica a 250 km/h, tuttavia con il Driver’s Package, disponibile a richiesta, che comprende anche un buono BMW Driving Experience per un training in circuito, la velocità sale a 270 km/h.

Dotata dell’asse anteriore e posteriore in lega leggera di alluminio dei modelli BMW M3/M4, di cerchi in lega da 19 pollici in alluminio fucinato e di pneumatici differenziati, di sterzo Servotronic M con due linee caratteristiche e del performante freno Compound M, la BMW M2 Coupé eleva ulteriormente il parametro di riferimento della dinamica di guida nel segmento delle sportive compatte high-performance. Il Differenziale attivo M regolato gioca un ruolo importante nell’ottimizzazione della trazione e la stabilità di guida. L’M Dynamic Mode (MDM) del Dynamic Stability Control permette, nella guida in circuito, lo slittamento delle ruote, consentendo così delle leggere derapate perfettamente controllate.

Il tipico carattere M lo si ritrova anche nel design degli interni. L’Alcantara per i pannelli interni delle porte e la consolle centrale è abbinato alla fibra di carbonio a vista, per creare un ambiente raffinato ma al contempo anche sportivo, impreziosito ulteriormente dalle cuciture nel colore di contrasto blu e dalle sigle M stampate su elementi selezionati.

Gli opzionali BMW ConnectedDrive Services offrono la possibilità di utilizzare innovative app. Per esempio, con la GoPro app, l’iDrive Controller e la visualizzazione sul Control Display è possibile controllare una telecamera “action” montata sul cruscotto che documenta i giri più veloci in circuito. La M Lap Timer app offre invece un’analisi perfetta dello stile personale di guida in pista. Le velocità e i punti di frenata sono inoltre facilmente condivisibili per e-mail oppure su Facebook.

Vai alla scheda tecnica

Clicca sulle foto per ingrandirle ed entrare nella galleria fotografica


Porsche 911 R: per nostalgici e collezionisti

Audi A5 DTM Selection: profumo di pista