Bolivia, Anez presidente ma i sostenitori di Morales non ci stanno

Bolivia, Anez presidente a interim: scontri tra polizia e manifestanti pro Morales

La Bolivia nel caos: la senatrice Jeanine Anez è stata nominata presidente a interim. Scontri violenti con protagonisti i sosteniori di Morales.

LA PAZ – La Bolivia prova a trovare una via d’uscita alla crisi politica seguita alla contestata quarta elezione di Evo Morales e alle dimissioni del leader socialista, pressato dall’Esercito.

Anez, presidente a interim

La senatrice di opposizione Jeanine Anez del partito Unidad democratica (Ud), finora seconda vicepresidente del Senato, è stata nominata presidente ad interim della Bolivia dai parlamentari della sua formazione politica e di alcuni altri gruppi. Lo riferisce il quotidiano El Deber, sottolineando che questo è avvenuto nonostante le sedute di Camera e Senato non abbiano raggiunto il quorum per l’assenza dei parlamentari del governativo Movimento al socialismo (Mas) che controllava i 2/3 delle due Camere.

La Paz, capitale della Bolivia
https://it.wikipedia.org/wiki/Bolivia#/media/File:La_Paz-center.jpg

L’accusa di Morales

Il presidente dimissionario della Bolivia Evo Morales, dal Messico, ha definito la nomina della senatrice Jeanine Anez “una autoproclamazione” che costituisce “il golpe più subdolo e nefasto della storia“.

Bolivia, scontri con la polizia

Nel frattempo, a La Paz si è svolta una manifestazione con migliaia di partecipanti per chiedere le dimissioni della Anez. Militanti del partito di Evo Morales, il Mas, ‘ponchos rojos’ di El Alto e cittadini comuni si sono radunati in la Plaza Murillo, mentre nel palazzo presidenziale giuravano i nuovi vertici militari.
La polizia boliviana è intervenuta con gas lacrimogeni per bloccare una manifestazione di sostenitori del presidente dimissionario Evo Morales che si dirigeva verso la Plaza Murillo, dove nel palazzo presidenziale era in corso una cerimonia.

ultimo aggiornamento: 14-11-2019

X