Emilia Romagna, Bonaccini sulle Regionali: “Salvini non suona più i campanelli, è servita la lezione”. Poi la risposta a Mihajlovic…

È un Bonaccini decisamente soddisfatto quello che commenta il risultato delle elezioni Regionali e che torna a pungere il leader della Lega Matteo Salvini, già affrontato in occasione delle regionali in Emilia Romagna.

Bonaccini, “Salvini non suona più i campanelli…”

Salvini non suona più i campanelli, è servita la lezione“, ha dichiarato Bonaccini ai microfoni de L’Aria che tira in onda su La7. E il riferimento è evidentemente al famosissimo episodio avvenuto al quartiere del Pilastro di Bologna, dove Salvini, imbeccato da alcuni sostenitori, con giornalisti e folla al seguito citofonò a casa di una persona chiedendo se spacciasse. Un gesto criticato da molti che hanno parlato di un episodio gravissimo.

Oltre che di Salvini Bonaccini ha parlato anche del risultato delle Regionali, che a suo avviso hanno rafforzato il Partito democratico.

“Il risultato delle regionali rafforza il Pd, così come la vittoria del sì al referendum e il pareggio sostanziale”.

Il numero uno dell’Emilia Romagna afferma inoltre di essere allineato con il Segretario del Partito democratico Nicola Zingaretti per quanto riguarda le prossime questioni da risolvere, ossia il Mes e la revisione dei decreti Sicurezza.

Matteo Salvini
Matteo Salvini

‘Mihajlovic? Non sembra neanche uno di destra…’

Bonaccini è tornato a commentare anche il sostegno di Sinisa Mihajlovic a Matteo Salvini.

E’ troppo simpatico Sinisa. Io vedo giocare il Bologna, lui per me è un bravissimo allenatore. La squadra gioca aperta, non si chiude mai, ci sono giocatori da tutto il mondo. Non sembra neanche uno di destra

Quella di Bonaccini è evidente una risposta alla battuta di Mihajlovic che, parlando della riapertura degli stadi, aveva detto che il Presidente di Regione Non sembra neanche uno di sinistra.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione


Azzolina: “Parte consistente del Recovery Fund deve essere destinata alla scuola” – VIDEO

Grillo: “Credo nella democrazia diretta e non nel Parlamento”