Bonucci: “Io al Milan? Non ero lucido”

Il difensore bianconero ha parlato del suo passaggio in rossonero e del ritorno, un anno dopo, alla Juventus.

Juventus, Leonardo Bonucci, ospite del programma di Raffaella Carrà, “A raccontare cominci tu”, in onda su Rai Tre, è tornato a parlare del suo trasferimento al Milan nell’estate del 2017: “Nell’arco di una stagione – ha dichiarato il difensore – si vivono momenti intensi. Non ne potevo più e forse anche dall’altra parte c’era la volontà di separarsi. Poi con il passare del tempo mi sono accorto che la mia lucidità non era il massimo in quel momento”.

“L’anno a Milano – ha aggiunto il centrale bianconero – è stato difficile sotto un certo punto di vista, ma bello perché mi ha fatto crescere a livello umano. Poi mi ha dato la possibilità di ritornare, ogni viaggio finisce con un ritorno a casa. Le offese sui social? Col mio passaggio Juve-Milan-Juve ne ho lette tante di cose, sicuramente fa paura quando vedi cose scritte da ragazzini di tredici o quattordici anni. Se basta un trasferimento per far accadere una cosa così, non oso immaginare ciò che può succedere ai nostri figli fuori”.

Nessun rimpianto, dunque: Leo è felice di essere tornato a Torino: “Avevo ricevuto un’importante offerta dalla Cina ma ho rifiutato – ha raccontato Bonucci – non fa per me. Io allenatore della Juve? Allegri può stare tranquillo, c’è ancora tempo. Se ne parla tra 10-12 anni”.

Bonucci

Juve-Bonucci, contratto fino al 2023

Nel corso della chiacchierata, Leonardo Bonucci ha parlato anche Juventus: “La vittoria è l’unico risultato che alla Juve è permesso. Quando entri nel mondo Juve ti rendi conto che il pareggio non è consentito. Agnelli è una persona squisita e lungimirante, parla tanto con noi. Otto anni fa lo stadio di proprietà sembrava impensabile”.

“Conte è stato fondamentale per la mia crescita e per farmi diventare un giocatore internazionale. Mi ha dato un modo nuovo di interpretare la partita. Allegri? Ci sono quasi sempre delle correzioni tattiche che ci permettono di andare più forte, poi ci sono stati dei momenti in cui è volata la lavagna…”.

Un video con alcune giocate di Leonardo Bonucci:


ultimo aggiornamento: 03-05-2019

X