Sono finiti i fondi per l’agevolazione per le famiglie per mantenere i bambini all’asilo nido. L’Inps ha già richiesto il bonus al governo.

I fondi per il bonus asilo sono già terminati. Nonostante l’Inps abbia segnalato la problematica e abbia chiesto il rifinanziamento al governo, bisognerà attendere. Fino a fine anno sono oltre 60mila nuclei familiari che non potranno contare sul bonus asilo nido. Il contributo statale era stato pensato per aiutare le famiglie a sostenere la spesa degli asili nido con un contributo dai 136 a 272 euro al mese, a seconda della fascia Isee.

Per questo motivo molte famiglie hanno visto la richiesta “protocollata con riserva”. A fine anno verrà sciolta la riserva quando qualche beneficiario che ha richiesto il bonus potrà riceverlo. Magari per un numero minore di mensilità. Così verranno valutate di nuovo le richieste in base all’ordine di presentazione. Ma questo iter porterà almeno a 4 mesi di ritardo.

asilo nido
asilo nido

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il governo Meloni deve intervenire al più presto

Il bonus asilo nido è un rimborso economico per chi sostiene le spese per un nido pubblico o privato autorizzato o per chi ha bisogno di supporto a casa per bambini sotto i tre anni che per gravi patologie croniche non possono frequentare l’asilo. Dal 2017 le risorse a sostegno della misura sono aumentate fino ad arrivare a 553,8 milioni di euro per il 2022.

Una crescita esorbitante che non ha chiarito nemmeno l’Inps. Al momento però molte famiglie rischiano di restare senza l’agevolazione in un periodo che altri costi continuano ad incrementare, come le bollette e la stessa spesa. L’Inps fa sapere che le richieste in riserva non vengono respinte ma restano in attesa. Il governo di Giorgia Meloni però dovrà necessariamente intervenire su questo aspetto e finanziare nuovamente il bonus asilo.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 19-10-2022


Carburanti alle stelle per novembre: oltre 2 euro/l 

Governo Meloni: da cosa si parte