Il governo Conte ha predisposto, nel 2020, il bonus casalinghe le cui iscrizioni si sono chiuse in marzo. Ecco di cosa si tratta.

Il governo ha predisposto il nuovo bonus casalinghe 2022. Nello specifico, non si tratta dell’erogazione di una somma di denaro. Bensì della possibilità di partecipare gratuitamente a corsi di formazione professionale messi a disposizione dal ministero delle Pari Opportunità e la famiglia.

Il governo Conte ha stabilito la misura nell’estate del 2020. Conte ha messo a disposizione il bonus casalinghe, che consiste in corsi gratuiti di formazione professionale per acquisire nuove competenze. La misura istituita dal dl 104 del 2020 si rivolge sia agli uomini che alle donne. Lo scopo è quello di incrementare l’inserimento nel mondo del lavoro, offrendo la possibilità – sia a uomini che a donne – di formarsi professionalmente, specialmente nel campo digitale.

Svuotare cache e pulire la cronologia del computer

Principalmente, il bonus è stato istituito pensando “a coloro che svolgono attività nell’ambito domestico”, in primis donne, “senza vincolo di subordinazione e a titolo gratuito, finalizzate alla cura delle persone e dell’ambiente domestico, iscritte e iscritti all’assicurazione obbligatoria di cui all’articolo 7 della legge 3 dicembre 1999, n. 493”. Unico requisito per poter usufruire del bonus è che il partecipante al corso sia iscritto all’assicurazione contro gli infortuni domestici dell’Inail.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le materie del corso

Il corso prevede una formazione in ambito digitale. Nello specifico, riguarda: l’alfabetizzazione su informazioni e dati, la creazione di contenuti, la comunicazione e collaborazione, la risoluzione dei problemi inerenti ai principali profili software e hardware, la sicurezza, i servizi al cittadino e la gestione domestica.

Secondo quanto riportato da Altroconsumo – un’associazione che si pone come obiettivo l’informazione e la tutela dei consumatori – ogni corso prevede la partecipazione in tutti gli ambiti sopra elencati. Perciò, chi ne usufruisce dovrà formarsi in tutti gli ambiti stabiliti.

L’iscrizione avviene attraverso il contatto con i membri organizzatori. Il bando del corso si è chiuso il 31 marzo. Ai corsi si partecipa in via telematica, e la durata è di almeno tre ore. Le lezioni possono essere fruibili anche attraverso delle videoregistrazioni.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 24-06-2022


Obbligo del Pos, previste multe per chi non accetta i pagamenti elettronici

Rincari beni alimentari: è solo speculazione?