Bonus musica 2024: come ottenere fino a 1.000 euro di rimborso
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Bonus musica 2024: come ottenere fino a 1.000 euro di rimborso

Ragazza ascolta musica con smartphone

Bonus musica: spese detraibili, come richiederlo e massimizzare il risparmio nel 2024

La musica svolge un ruolo cruciale nello sviluppo educativo e personale dei giovani. Riconoscendo questa importanza, il governo ha reintrodotto il bonus musica 2024, un’iniziativa volta a promuovere l’accesso all’educazione musicale.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Questo incentivo fiscale si rivela un’opportunità preziosa per le famiglie che desiderano sostenere la passione musicale dei propri figli, offrendo una detrazione fiscale significativa sulle spese di iscrizione a corsi di musica riconosciuti.

Ragazza ascolta musica con smartphone

Come funziona il bonus musica nel 2024

Il bonus musica 2024 si presenta come una detrazione fiscale del 19% dedicata ai genitori che iscrivono i propri figli, di età compresa tra i 5 e i 18 anni, a corsi di musica, includendo: conservatori, scuole di musica accreditate, cori e bande.

Il limite massimo detraibile è fissato a 1.000 euro per ogni figlio a carico, potenzialmente traducendosi in un risparmio fiscale fino a 190 euro per figlio.

Per accedere a questo beneficio, è essenziale che il reddito Isee della famiglia non superi i 36.000 euro annui. Inoltre, le spese devono essere effettuate tramite metodi di pagamento tracciabili, come bonifici bancari, carte di credito o debito e assegni. Conservare accuratamente la documentazione di pagamento è cruciale per avvalersi del bonus.

Come richiedere l’agevolazione

Con un risparmio fino a 190 euro per figlio, il bonus musica 2024 rappresenta un’occasione da non perdere per alleggerire il carico fiscale delle famiglie e, allo stesso tempo, incoraggiare lo studio della musica tra i giovani.

Il procedimento per richiedere questa agevolazione musica è semplice: non è necessario presentare alcuna domanda specifica. Le famiglie devono semplicemente indicare la detrazione nel modello 730, nel quadro E, utilizzando il codice 45. È fondamentale, però, che le famiglie mantengano una documentazione precisa di tutte le spese, in quanto l’Agenzia delle entrate può richiederne la verifica.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 5 Marzo 2024 15:40

Calo delle bollette di luce e gas: cosa sta succedendo

nl pixel