Borsa 14 maggio 2020, il racconto della giornata dei mercati

Borse in calo, Piazza Affari segna un passivo dell’1,8 per cento

La giornata del 14 maggio 2020 della Borsa è stata negativa. Spread in calo con una chiusura a 233 punti base.

MILANO – Nuova giornata negativa per la Borsa quella di giovedì 14 maggio 2020. I dubbi sulla ‘fase 2’ continuano a pesare sugli indici europei che anche al termine della seduta hanno chiuso con il segno meno. I mercati sono innervositi anche dall’escalation tra Stati Uniti e Cina con una settimana che si avvia alla chiusura con il rischio di diversi miliardi bruciati per tutte le Borse europee.

Borse europee in negativo, la peggiore è stata Francorforte

Per gli indici europei è stata una giornata molto negativa. La peggiore è stata Londra che, dopo aver sfiorato il -4%, è riuscita a recuperare nella parte finale della seduta con una chiusura a -2,75%. Male anche Francoforte (-1,95%) e Parigi (-1,65%) mentre Milano ha terminato le contrattazioni con un passivo dell’1,84%.

Sessione negativa anche a Wall Street con le perdite che sono state inferiori di quelle europee. Il Dow Jones alla fine della giornata ha concluso con un -0,32%, il migliore dei mercati statunitensi. Leggermente peggio l’S&P 500 (-0,35%) mentre il Nasdaq ha avuto un regresso dello 0,48%. Chiusura negativa anche per gli indici asiatici. Tokyo alla conclusione delle contrattazioni ha registrato una perdita di oltre l’1,7%.

Wall Street
Wall Street

Spread in discesa

Continua a scendere a rilento lo spread che ha terminato la sessione a 233 punti base con il rendimento decennale che si è stabilizzato sull’1,811%. Il pezzo del petrolio prosegue il suo recupero con l’Agenzia internazionale dell’energia che si è detta fiduciosa sull’andamento della domanda di greggio.

Il contratto Wti con scadenza a giugno al termine delle contrattazioni ha registrato un progresso del 2,81% a 26,00 dollari al barile. L’euro ha chiuso in maniera debole anche se è rimasto sopra quota 1,08 rispetto al dollaro.

Scarica QUI il testo del Decreto Cura Italia per conoscere le norme a sostegno delle famiglie e delle imprese.

ultimo aggiornamento: 14-05-2020

X