Borsa 6 aprile 2020. Piazza Affari in positivo. Spread sotto i 200 punti, torna a scendere il petrolio.

MILANO – Borsa 6 aprile 2020. E’ stata una vigilia di attesa per i mercati. Gli indici hanno chiuso in positivo grazie alle notizie che arrivano dal coronavirus. Tutti i Paesi iniziano a vedere la luce in fondo al tunnel con la seduta che è stata positiva per tutti.

Grande curiosità su come si comporteranno i mercati nella giornata di domani quando è in programma l’Eurogruppo. La tensione tra gli Stati potrebbe causare un nuovo crollo mentre in caso di accordo gli indici dovrebbero proseguire il trend positivo.

Borsa, indici in positivo

E’ stata una giornata per Milano. Al termine della sessione Piazza Affari ha chiuso con un +4% che fa ben sperare per il resto della settimana anche se la Borsa in queste settimane è in stabile. Tra gli indici singoli da segnalare Atlantia. Campari e i bancari si sono difesi. In positivo anche Londra (+3,08%) e Parigi (+4,6%) mentre la migliore dei mercati è stata Francoforte con un +5,77%.

Anche Wall Street ha chiuso in positivo. Il Nasdaq e il Dow Jones hanno chiuso sul +4,9%. Poco più sotto lo S&P500 che ha terminato la sessione con un +4,6%. Le Borse cinesi erano chiuse per festività mentre Tokyo ha registrato una crescita del +4,24%.

Wall Street
Wall Street

Spread sotto i 200 punti, ritorna a calare il petrolio

Giornata di attesa, invece, per lo spread. La chiusura è avvenuta intorno ai 190 punti base con il rendimento italiano sotto l’1,5%. Molto importante l’Eurogruppo per capire il comportamento in settimana della curva.

Torna a decrescere il petrolio che ha perso quasi il 7% con il Wti a 26,4 dollari al barile. Meglio, invece, il Brent con il suo -5% a 32,3 dollari. Cresce, infine, l’oro che ha guadagno un 2,6% a un passo da 1.690 dollari all’oncia, favorito dal livello basso dei tassi di interesse a livello mondiale.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
borsa borsa 6 aprile 2020 economia Piazza Affari

ultimo aggiornamento: 06-04-2020


Pubblica amministrazione, come accedere da casa ai servizi

Un terzo delle famiglie non ha computer o tablet