Borsa 9 luglio 2020. Indici europei in rosso. Piazza Affari chiude a -1,98%.

MILANO – Borsa 9 luglio 2020. Giornata negativa per i mercati almeno per quelli europei. Al termine degli scambi Piazza Affari ha registrato -1,98% con la questione Atlantia che ha ‘pesato’ su Milano. Aspi ha perso il -8,29%. In calo anche Fca che ha chiuso con un rosso del -1,88%.

In negativo anche gli altri indici. Nonostante una apertura positiva, Francoforte ha terminato la seduta con un -0,04%. Peggio hanno fatto Parigi (-1,1%) e Londra (-1,07%).

Wall Street in negativo

Alla chiusura delle Borse europee, andamento negativo anche per Wall Street. Il peggiore sembra essere il Dow Jones con un -2% subito dopo il gong nel vecchio continente. Più contenuta, invece, la perdita per il Nasdaq (-0,8%).

Alla fine c’è stato un leggero miglioramento per entrambi gli indici che hanno registrato una piccola ripresa. Gli scambi per il Dow Jones sono stati conclusi a -1,38% mentre per il Nasdaq a -0,53%.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Wall Street
Wall Street

In positivo, invece, gli indici asiatici. Shanghai continua la striscia positiva con il guadagno settimanale della Piazza cinese che si attesta intorno al 9%. Bene anche Tokyo (+0,4%) e Hong Kong (+0,3%).

Spread stabile

Giornata stabile, invece, per lo spread che ha chiuso a 167 punti base con il rendimento decennale all’1,22%. L’euro passa di mano a 1,1364 dollari e 121,92 yen. L’oro si conferma ai massimi dal 2021 sorpassando i 1.800 dollari l’oncia con il lingotto a consegna immediata che ha registrato una crescita dello 0,2%.

Il petrolio si è confermato stabile in questa giornata. Il prezzo del gregge sul mercato asiatico è sceso di soli due centesimi chiudendo a 40,88 dollari. 3 centesimi, invece, quello del Brent che ha terminato la seduta a 43,26 dollari. Si tratta di una notizia sicuramente positiva visto che in passato sono state registrate delle perdite più importanti. E il coronavirus continua ad essere un rischio per i mercati con le Borse che continuano ad essere altalenanti per il rischio di un ritorno dei contagi.


Respinto il ricorso di Gm contro Fca sui contratti di lavoro

Autostrade, il Governo ad Aspi: “Proposta entro il weekend o revoca”