La Borsa Italiana è nota quasi a tutti, ma la di là del nome esistono numerosi prodotti collegati. Vediamo nel dettaglio le Obbligazioni.

Cosa sono le Obbligazioni

Prima di inoltrarci sul tema della borsa italiana va chiarito cosa si intende per Obbligazioni.

Si tratta di un titolo di credito rappresentativo di una parte di debito attivato da una società o da un ente pubblico al fine di finanziarsi.

Le obbligazioni sono una garanzia per l’acquirente nella misura di rimborso del capitale connesso ad uno specifico tasso di interesse.

Le obbligazioni vengono emesse al fine di reperire in maniera diretta attraverso i risparmiatori e con condizioni vantaggiose per gli stessi, i capitali da investire in un secondo momento (dopo l’eventuale recupero) in vari servizi e/o in altro modo.

Le obbligazioni hanno la cedola e un interesse come detto in precedenza, tale interesse può essere pagato:

1. Su base trimestrale

2. Su base semestrale

3. Su base annuale

L’interesse può essere o di tipo fisso o di tipo variabile in questo secondo caso è indicizzato generalmente al Libor o all’Euribor con uno spread o ad altri tassi ufficiali e di norma e viene aggiornato semestralmente.

Vantaggi per l’utenza e per le aziende-enti

A seguire un elenco dei vantaggi relativi alle obbligazioni che siano esse emesse da enti pubblici o da privati:

1. La garanzia sul prodotto (per l’utente)

2. Tassi di interesse (per la società o l’ente emittente)

3. Smobilitazione del proprio investimento sul mercato secondario (per l’utente)

Questo prodotto è davvero utile per le aziende e gli enti per differenti finalità, in più rispetto ad altri prodotti finanziari garantisce maggiormente l’utenza.

Le obbligazioni di tipo convertibile

Questa tipologia di prodotto come definisce la parola stessa e la sua definizione possono essere all’occorrenza convertite in azioni della società emittente, o di una società appartenente allo stesso gruppo.

Successivamente a tale conversione le persone cessano di essere obbligazionisti e diventano però azionisti. 

certificato_unicasim


Erogazione TFR, chi elargisce il trattamento di fine rapporto

Il TFR in caso di dimissioni: Cosa succede e quali documenti bisogna presentare