Borse 1 ottobre 2021, Milano apre il mese in negativo. Lo spread chiude la settimana in leggero calo.

MILANO – Borse 1 ottobre 2021. Prima seduta del mese e ultima della settimana non positiva per i mercati del Vecchio Continente.

Una giornata condizionata dai timori dell’inflazione dopo le parole del presidente della Fed Jerome Powell. L’economista ha confermato che per lui il rialzo dei prezzi durerà più del previsto. Per quanto riguarda sul Pmi manifatturiero, c’è stato un calo di quello giapponese passato dai 52,7 punti di agosto ai 51,5 punti di settembre rimanendo ancora una volta in fase di espansione. Le prossime settimane saranno sicuramente fondamentali per capire l’andamento dell’economia. Il rischio di un trend misto esiste soprattutto fino a quando ci sarà un incremento dell’inflazione e per questo l’attenzione di Bce e Fed resta comunque molto alta.

Milano in negativo

In questa ultima seduta della settimana Milano ha chiuso in rosso. Piazza Affari ha lasciato per strada lo 0,2%. La peggiore è Londra con un -0,8%. Male anche Francoforte (-0,6%) e Parigi (-0,04%).

Continuano con l’andamento misto i mercati asiatici. Tokyo ha lasciato per strada il 2,31%. Male anche Hong Kong (-0,5%). Bene, invece, Seul (+0,28%) e Shanghai (+0,9%). Un trend che potrebbe cambiare nella prima seduta della prossima settimana vista la buona chiusura registrata a Wall Street in questa ultima giornata: il Dow Jones ha guadagnato l’1,43%, il Nasdaq lo 0,82%.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread in calo

Chiusura in calo, invece, per lo spread. Il differenziale ha terminato la seduta in area 104 punti con il decennale intorno allo 0,81%. Dopo un periodo sicuramente difficile, l’euro è ritornato a guadagnare ed è passato di mano a 1,1594 dollari.

Per quanto riguarda il petrolio, il contratto Wti ha registrato un lieve aumento chiudendo a 73 dollari al barile. 78,35 dollari, invece, per il Brent.

ultimo aggiornamento: 01-10-2021


Pubblica amministrazione, cosa prevede il decreto Brunetta: tutti allo sportello dal 15 ottobre

La Cassazione: “Le mance possono essere tassate”