Borse 12 aprile, Piazza Affari in positivo. Lo spread chiude in area 103 punti.

MILANO – Borse 12 aprile. I mercati si sono aperti con una giornata debole anche per le incertezze della pandemia. Secondo il presidente della Fed, Jerome Powell, riaprire troppo in fretta rischiano di non rilanciare l’economia e la Federazione si è detta disponibile a sostenere gli Stati Uniti fino alla completa ripresa.

Ripartenza che potrebbe avvenire dai prossimi mesi. Le aspettative di tutti i Paesi restano positive per questo secondo trimestre, ma per rispettare gli obiettivi serve un cambio di passo con la campagna di vaccinazione.

Borse 12 aprile, Piazza Affari in positivo

La settimana di Piazza Affari si è aperta in positivo. Milano è stata la migliore del Vecchio Continente con un guadagno dello 0,11%. Tra i listini italiani da segnalare l’importante crescita di Diasorin (oltre il 9%) dopo l’acquisizione negli Usa da 1,8 miliardi di dollari. In positivo anche Parigi (+0,05%) e Francoforte (+0,08%), mentre Londra ha lasciato per strada lo 0,4%.

La giornata dei mercati si è aperta con un andamento contrastato in Asia. L’unica a chiudere in positivo è stata Seul con una crescita dello 0,12%. Male, invece, Shanghai (-1,09%), Tokyo (-0,77%) e Hong Kong (-0,99%). Un trend che potrebbe essere confermato vista la chiusura in rosso di Wall Street: il Dow Jones ha perso lo 0,16%, il Nasdaq lo 0,36%.

I mercati in tempo reale

Wall Street
Wall Street

Spread stabile

Per lo spread chiusura stabile in area 103 punti base. Ritorna a correre, invece, il bitcoin. La criptovaluta ha terminato la sessione sopra quota 61mila dollari e si è avvicinata ai massimi storici in vista della quotazione di Coinbase del prossimo 14 aprile.

Per l’euro, invece, seduta più o meno stabile. La moneta europea è passata di mano a 1,191 dollari. Per quanto riguarda il petrolio, invece, il contratto Wti, in scadenza a maggio, ha registrato una crescita dell’1,11% a 59,99 dollari al barile.


Microsoft acquista Nuance, affare da quasi 20 miliardi di dollari

L’ipotesi di un fondo per finanziare le opere escluse dal Recovery fund