Borse 14 aprile, Piazza Affari in negativo. Lo spread chiude intorno ai 105 punti base.

MILANO – Borse 14 aprile. Una nuova giornata incerta per i mercati per la pandemia e il rischio di nuovi restrizioni per piegare la curva. Questa seduta ha coinciso, inoltre, con il debutto del Coinbase a Wall Street. Un inizio con il botto per la criptovaluta con una apertura a 381 dollari al Nasdaq.

Si tratta di un avvio che ha portato proprio il Bitcoin intorno ai 63mila dollari e in futuro il muro dei 70mila sembra essere destinato ad essere superato.

Borse 14 aprile, Piazza Affari in negativo

E’ stata comunque una giornata molto contrastata per il Vecchio Continente. Dopo aver registrato per due sedute consecutive il miglior andamento, Piazza Affari ha lasciato per strada lo 0,1%. Una chiusura che non sembra condizionare il trend settimanale di Milano. In Europa la migliore è stata Londra in questa seduta con un +0,7%, mentre Parigi ha guadagnato lo 0,4%. In negativo Francoforte che ha lasciato per strada lo 0,1%.

Una giornata dei mercati che si è aperta con un andamento contrastato in Asia. Il rialzo dei contagi ha portato Tokyo a perdere lo 0,44%. In rialzo, invece, Shanghai (+0,6%), Seul (+0,42%) e Hong Kong (+1,26%). Un trend che rischia di essere confermato anche in questa parte finale della settimana. A Wall Street la giornata è stata davvero mista. Il Nasdaq ha lasciato per strada lo 0,99%, mentre il Dow Jones ha guadagnato lo 0,16%.

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread in rialzo, l’euro sopra i 1,19 dollari

Lo spread prosegue il suo leggero rialzo. La chiusura è avvenuta in area 105 punti base. Anche per l’euro una seduta in crescita. La moneta europea è passata di mano a 1,1969 dollari e 130,45 yen. Per quanto riguarda le materie prime, il petrolio ha registrato un nuovo andamento positivo. Il contratto Wti ha registrato un rialzo del 4,09% a 62,64 dollari, mentre il Brent ha guadagnato il 3,8% a 66,09 dollari.


Alitalia, Giorgetti all’Ue: “Il Governo accetterà solo un compromesso ragionevole”

Decreto Sostegni bis, ristori calcolati sulle perdite reali. Cosa cambia