Borse 14 settembre 2021, Piazza Affari si conferma in positivo. Lo spread ritorna sotto i 100 punti.

MILANO – Borse 14 settembre 2021. Seconda giornata della settimana, nonostante i dati sull’inflazione americana, in parte positiva per i mercati del Vecchio Continente.

La seduta, come detto, è stata fortemente condizionata dai dati arrivati dagli Stati Uniti. L’inflazione di agosto si è assestata al 5,3% (in calo rispetto al 5,4%) di luglio. Un dato che non ha avuto particolari effetti sui mercati anche se la chiusura in Europa è stata contrastata. La frenata potrebbe essere un buon segnale per il futuro anche se i dubbi restano diversi e la variante Delta resta un rischio importante per la ripartenza.

Milano la migliore del Vecchio Continente

Anche in questa seconda seduta settimanale Milano si è confermata in positivo con un rialzo dello 0,3% rispetto a lunedì. Una sessione che ha permesso a Piazza Affari di essere la migliore del Vecchio Continente, visto che Francoforte ha guadagnato solo lo 0,14%, mentre Parigi e Londra hanno perso rispettivamente lo 0,36% e lo 0,48%.

Andamento misto anche in Asia. Chiusura in positivo per Tokyo (+0,75%) e Seul (+0,65%), mentre Hong Kong e Shanghai hanno lasciato per strada l’1,12% e l’1,42%. Giornata in rosso, invece, per Wall Street. Il Nasdaq ha perso lo 0,45%, il Dow Jones lo 0,84%.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread in calo

Lo spread è ritornato sotto quota 100 punti. Il differenziale ha chiuso in area 98 punti, con il decennale che si è assestato intorno allo 0,66%. L’euro, invece, si conferma in rialzo. La moneta europea è passata di mano a 1,1820 dollari e 129,63 yen.

Per quanto riguarda il petrolio, invece, da segnalare un rialzo per i timori dell’uragano Nicholas. Il contratto Wti, in scadenza ad ottobre, ha registrato una crescita dello 0,78% chiudendo la giornata a 71 dollari. Il Brent, invece, ha terminato a 74,05 dollari al barile con un +0,73%.

ultimo aggiornamento: 14-09-2021


Draghi: “Germania e Italia sono il motore manifatturiero dell’Europa”

Legambiente, 11 città sforati i limiti annuali delle polveri sottili