Borse 16 giugno. Milano chiude la seduta in positivo. Lo spread resta stabile in area 102 punti.

MILANO – Borse 16 giugno. E’ stata una giornata dei mercati Ue in attesa della Fed. L’ente americano, che si è pronunciato dopo la chiusura degli indici, ha lasciato invariati i tassi di interesse, con il costo del denaro che resta fermo fra lo 0 e lo 0,25%.

Una decisione che dovrebbe dare una spinta importante nella seconda parte della settimana. L’inflazione, infatti, non sembra preoccupare soprattutto gli investitori, pronti a scommettere su una ripresa dell’economia nelle prossime settimane soprattutto con una riduzione delle restrizioni.

Borse 16 giugno, Piazza Affari in positivo

Per i mercati europei è stata una giornata di attesa. Milano e Londra hanno registrato una crescita poco superiore allo 0,1% mentre Parigi (la migliore di questa sessione) ha avuto un rialzo dello 0,2%. Chi frena, anche se in modo molto leggero, è stata Francoforte che ha lasciato per strada lo 0,14%.

Un mercoledì aperto da una seduta non molto semplice in Asia. L’unica a chiudere in positivo è stata Seul con un guadagno dello 0,62%. Tutte in rosso le altre: Hong Kong (-0,73%), Tokyo (-0,51%) e Shanghai (-1,07%). Un trend, come detto, che potrebbe essere cambiato dopo le decisioni della Fed nonostante la chiusura in rosso di Wall Street. Il Dow Jones, infatti, ha perso lo 0,77% e il Nasdaq (-0,24%).

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread stabile

Giornata poco mossa anche per lo spread. Il differenziale ha chiuso ancora una volta in area 102 punti, con il decennale che si è assestato allo 0,78%. Resta stabile l’euro in attesa della decisione della Fed, arrivate dopo la chiusura dei mercati europei. La moneta del Vecchio Continente è passata di mano a 1,2117 dollari e 133,23 yen.

Per quanto riguarda il petrolio, invece, la seduta è stata ancora una volta in rialzo. Il Brent ha guadagnato l’1,09% con un passaggio di mano a 74,4 dollari al barile. Bene anche il Brent che ha registrato un rialzo dello 0,85% a 72,72 dollari.


Stellantis, dal 2024 quattro modelli elettrici in produzione nello stabilimento di Melfi

Ipotesi proroga della sospensione delle cartelle esattoriali