Borse 16 marzo. Piazza Affari in positivo. Lo spread leggermente in risalita.

MILANO – Borse 16 marzo 2021. Seconda giornata settimanale in positivo per i mercati del Vecchio Continente. Un andamento che continua ad essere condizionato dai vaccini e dal rischio di una ripresa dell’economia un po’ più lenta del previsto.

Il focus nei prossimi mesi – ha confermato Cecilia Chan ai microfoni di Bloomberg, riportata da La Repubblicaresterà sulla capacità di recupero economico, mentre le politiche, sia fiscali che monetarie, resteranno di supporto all’economia e ai mercati“.

Borse 16 marzo, Piazza Affari in positivo

La seconda giornata dei mercati del Vecchio Continente si è chiusa in positivo. Piazza Affari, dopo essere stata l’unica a registrare un rialzo nella seduta di lunedì, ha guadagnato lo 0,5%. Un andamento molto simile a quello di Francoforte (+0,72%). La migliore è stata Londra (+0,8%), mentre per Parigi è stata registrata una chiusura a +0,32%.

La giornata dei mercati si era aperta con l’andamento positivo in Asia. I migliori sia Shanghai che Seul con una crescita rispettivamente dello 0,78% e 0,7%. In scia anche Hong Kong (+0,65%), mentre Tokyo ha avuto un rialzo dello 0,52%. Un trend che rischia di non essere confermato nella terza sessione della settimana. Il Nasdaq ha guadagnato lo 0,09%, mentre il Dow Jones ha perso lo 0,39%.

I mercati in tempo reale

Wall Street
Wall Street

Spread in rialzo, euro stabile

Lo spread è ritornato leggermente a salire. Il differenziale ha terminato la seduta in area 95 punti base. Un andamento destinato ad essere confermato anche nei prossimi giorni. Un cambio di passo potrebbe arrivare con la Fed, ma la decisione dovrebbe pesare soprattutto sull’euro. La moneta europea è passata di mano a 1,1895 dollari e 129,65 yen.

Per quanto riguarda le materie prime, i prezzi del petrolio hanno registrato un nuovo calo. Il contratto Wti in scadenza ad aprile ha registrato un calo dell’1,6% chiudendo la seduta a 64,3 dollari al barile.


Alitalia, nuovo incontro tra il Governo e la Commissione europea

La svolta di Uber in Gran Bretagna: gli autisti diventano dipendenti