Borse 18 agosto 2021, i mercati asiatici ritornano in positivo. Milano in rialzo dopo una apertura in rosso.

MILANO – Borse 18 agosto 2021. Dopo una seconda chiusura in rosso per i mercati, il cambio di passo è arrivato in parte nella terza sessione. Ci si aspettava, infatti, un forte rimbalzo, ma la variante Delta e le eventuali restrizioni restano un rischio molto forte per l’economia.

Proprio per evitare ulteriori crolli per le aziende, l’Unione Europea ha dato il via libera a 450 milioni (in prestiti) che saranno gestiti da Invitalia. Si tratta di aiuti importanti per poter superare il momento difficile e guardare con maggiore fiducia al futuro.

Asia in positivo, Milano in rialzo

Milano ritorna in rialzo dopo una apertura in rosso. Piazza Affari in questa giornata ha guadagnato lo 0,5%, un rialzo che ha portato l’indice italiano ad essere la migliore in questa giornata. Bene anche Francoforte (+0,28%), mentre Londra (-0,16%) e Parigi (-0,73%) hanno registrato una chiusura in rosso.

Giornata positiva, invece, per i mercati asiatici. Shanghai la migliore con un rialzo dell’1,11%. Bene anche Tokyo (+0,59%), Seul (+0,5%) e Hong Kong (+0,33%). Un trend che rischia di non essere confermato nella quarta seduta settimana viste le difficoltà che sono state registrate in questa seduta anche da Wall Street. Il Nasdaq ha perso lo 0,89%. Ha fatto peggio il Dow Jones con un rosso dell’1,08%. Difficoltà che rischiano di condizionare la seconda parte della settimana dei mercati.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread in leggero calo

Chiusura in leggero calo per lo spread. Il differenziale ha terminato la seduta intorno ai 103 punti base, con il decennale che si è assestato allo 0,55%.

Ritorna in positivo, invece, l’euro. La moneta europea ha guadagnato lo 0,03% chiudendo la giornata a 1,1712 dollari. Si conferma per il secondo giorno consecutivo anche il petrolio. Il contratto Wti, in scadenza a settembre, ha guadagnato lo 0,77% passando di mano a 67,10 dollari al barile.


McDonald’s, aperta indagine dall’Antitrust. La replica: “Nostra condotta lineare”

Confcommercio: “Le spese obbligate riguardano il 43 per cento dei consumi delle famiglie”