Borse 18 maggio, Piazza Affari si conferma in positivo. Spread sopra i 120 punti. In crescita anche il petrolio.

MILANO – Borse 18 maggio. Primi segnali positivi per i mercati dopo le riaperture. L’ottimismo della ripartenza ha permesso ai listini di iniziare in positivo la giornata, ma con il passare delle ore il quadro è cambiato e si è ritornati in un andamento contrastato almeno nel Vecchio Continente.

Gli investitori hanno messo da parte i timori dell’inflazione, a pesare però è l’andamento incerto di Wall Street. Un quadro che continua ad essere altalenante e difficilmente si riuscirà a ripartire in poco tempo. La speranza è quella di mettere il prima possibile alle spalle questo momento e consentire ai mercati di ripartire.

Piazza Affari in positivo

Per Milano seconda giornata in positivo. Piazza Affari al termine della seduta ha guadagnato lo 0,07% e si è confermata la Maglia Rosa di questa seduta. Francoforte e Londra, infatti, hanno guadagnato rispettivamente lo 0,05% e lo 0,02%, mentre Parigi ha lasciato per strada lo 0,21%.

La giornata si era aperta con un andamento in positivo dei mercati asiatici. La migliore è stata Tokyo con un guadagno del +2,09% rispetto alla giornata di lunedì. Bene anche Seul (+1,23%), Hong Kong (+1,34%) e Shanghai (+0,32%). Un trend che rischia di non essere confermato nella seduta di giovedì per la chiusura in rosso di Wall Street. Il Dow Jones ha perso lo 0,78%, il Nasdaq lo 0,56%.

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread in rialzo

Lo spread continua ad essere in rialzo. La chiusura della giornata è avvenuta in area 122 punti con il decennale che si è fermato all’1,07%. In leggero aumento anche l’euro. La moneta europea è passata di mano 1,2223 dollari (+0,59%). Per quanto riguarda il petrolio, invece, l’andamento è stato molto positivo. Il contratto Wti, con scadenza a giugno, ha registrato una chiusura a oltre 66 dollari al barile. Bene anche il Brent che ha terminato la seduta a 69,72 dollari.


Crisi Air Italy, via ai licenziamenti

Leonardo Del Vecchio sale in Mediobanca con il pacchetto Fininvest