Borse 19 agosto 2021, Milano chiude in rosso la giornata per la pubblicazione dei verbali della Fed.

MILANO – Borse 19 agosto 2021. Quarta seduta dei mercati negativa dopo un buon andamento nella giornata di mercoledì. Pesano soprattutto i verbali della Fed. Molti esponenti del board di Washington hanno comunicato il proprio giudizio favorevole al cosiddetto tapering, cioè l’inizio del ritiro dell’enorme sostegno finanziario economico entro la fine del 2021.

Una decisione che sicuramente ha portato i mercati in rosso. Effetti che rischiano di sentirsi anche nell’ultima seduta della settimana. La speranza resta quella di un cambio di passo nei prossimi giorni, ma la variante Delta resta un rischio per la ripresa dei mercati. E l’economia potrebbe avere un rallentamento soprattutto in caso di ulteriori restrizioni dovuti all’aumento dei contagi. In questo caso i fari sono puntati sul prossimo autunno.

Mercati asiatici in calo, male anche Milano

Non una giornata positiva per Milano. Piazza Affari ha lasciato per strada l’1,6%, confermandosi sui livelli di Londra (-1,6%). Male anche Francoforte (-1,3%), mentre Parigi è stata la peggiore con un rosso del 2,4%.

Seduta molto difficile in Asia. Tokyo ha perso l’1,1%. Male anche Shanghai (-0,57%) e Hong Kong (-2,19%), con quest’ultimo indice che è stato il peggiore della giornata. In rosso anche Seul che ha lasciato per strada l’1,59%. Un trend che potrebbe essere confermato anche nell’ultima seduta della settimana. A far sperare in un cambio di passo è la chiusura contrastata di Wall Street. Il Nasdaq ha guadagnato lo 0,11%, mentre il Dow Jones ha perso lo 0,19%.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread in rialzo

Lo spread è ritornato in rialzo. Il differenziale ha chiuso in area 106 punti, con il decennale si è assestato in area 0,57%. Ritorna, invece, in rosso l’euro. La moneta europea è passata di mano a 1,1681 dollari e 128,14 yen.

Giornata molto difficile, invece, per il petrolio. Il contatto Wti, in scadenza a settembre, ha perso il 3,15% a 63,40 dollari al barile. Il Brent, invece, il 2,65% chiudendo a 66,42 dollari al barile.

ultimo aggiornamento: 19-08-2021


Fca, multa da 30 milioni per il caso delle tangenti al sindacato

Bankitalia verso la produzione di banconote green dal 2022