Borse 2 marzo, Piazza Affari non segue l’andamento degli indici europei. Lo spread è ritornato sopra i 100 punti.

MILANO – Borse 2 marzo. Seconda giornata contrastata in Europea. Piazza Affari non è riuscita a tenere il ritmo degli altri indici del Vecchio Continente. Un andamento fortemente condizionato dal rischio di una terza ondata e dalle restrizioni che faranno compagnia al Paese per un altro mese.

A influenzare l’andamento dei mercati è stato anche lo spettro dell’inflazione. Secondo i dati dell’Eurostat, nell’Eurozona il tasso di inflazione è rimasto stabile intorno allo 0,9%, ma si teme una crescita nel mese di febbraio.

Borse 3 marzo, Piazza Affari in rosso

L’unica a stonare tra i mercati europei è stata Piazza Affari. Milano ha lasciato per strada lo 0,78% non riuscendo a cambiare passo nel pomeriggio. In leggero rialzo, invece, gli altri indici: Parigi ha guadagnato lo 0,29%, Francoforte (+0,16%) e Londra (+0,38%).

La giornata dei mercati si era aperta con l’andamento contrastato degli indici asiatici. Tokyo ha lasciato per strada lo 0,86%. Male anche Hong Kong (-1,3%) e Shanghai (-1,21%). In rialzo, invece, Seul (+1,03%). Chiusura in rosso anche per Wall Street. Il Dow Jones ha lasciato per strada lo 0,46%. Male anche il Nasdaq con un rosso dell’1,69%.

I mercati in tempo reale

Wall Street
Wall Street

Spread in rialzo

Lo spread è ritornato sopra i 100 punti dopo un leggero ribasso nella seduta di lunedì. La chiusura del differenziale è avvenuta in area 102 punti base, con un rendimento decennale intorno allo 0,67%. L’euro, invece, è passato di mano in leggero rialzo. La moneta europea è scambiata a 1,2074 dollari e 128,855 yen.

Nuova giornata di attesa per quanto riguarda il petrolio. C’è grande curiosità sulle decisioni che saranno prese il 4 marzo nel vertice Opec+. Una riunione che dovrebbe regolare i livelli di produzione solo per il mese di aprile. In attesa di questo incontro, sia il Brent che il Wti in scadenza ad aprile si sono mossi in leggero calo.


Evasione fiscale da 4 milioni per l’azienda di borse O bag

Ridimensionata la nuova Alitalia: 45 aerei e 4.500 dipendenti