Borse 20 maggio, i listini Ue ritornano in positivo trascinati da Wall Street. Lo spread è ritornato sotto i 120 punti base.

MILANO – Borse 20 maggio. Dopo un mercoledì molto complicato per i mercati, i listini del Vecchio Continente sono ritornati in positivo spinti da Wall Street. Uno slancio finale per gli indici dopo un inizio fiacco per le preoccupazioni degli investitori per l’inflazioni.

Uno sguardo incerto al futuro che viene confermato anche dalla Fed. Nei verbali dell’ultima regione, come riferito da La Repubblica, è stato precisato di iniziare a discutere sul progressivo degli acquisti di asset. Allo stesso tempo è stato ribadito di non spaventarsi perché si tratta di una fiammata transitoria.

Borse 20 maggio, Piazza Affari in positivo

Dopo un mercoledì molto complicato, Piazza Affari è ritornata in positivo. Milano ha guadagnato lo 0,88% anche se non è stata la migliore dei mercati. La Maglia Rosa di questa sessione è stata Francoforte (+1,52%) seguita da Parigi (+1,29%) e Londra (+1%).

Una giornata dei mercati che si è aperta con un andamento contrastato in Asia. L’unica a chiudere in positivo è stata Tokyo con un +0,19% rispetto alla seduta precedente. Male, invece, tutti gli altri indici: Hong Kong (-0,56%), Seul (-0,34%) e Shanghai (-0,11%). Un trend, che come già detto, potrebbe cambiare nell’ultima sessione visto l’ottima seduta a Wall Street. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,55%, il Nasdaq l’1,77%.

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Lo spread ritorna sotto i 120 punti

Una giornata positiva anche per lo spread. Dopo diversi giorni in aumento il differenziale è sceso sotto i 120 punti (in area 106), con il decennale che ha chiuso all’1,05%. In aumento, invece, l’euro. La moneta europea è passata di mano a 1,2226 dollari.

Per quanto riguarda il petrolio, il contratto Wti in scadenza a giugno ha visto una riduzione dello 0,73% chiudendo a 62,9euro. Sotto pressione i metalli. L’unico ad aumentare è l’oro che, con una chiusura a +0,57%, è passato di mano a 1.88 dollari l’oncia.


Mercato auto, numeri in crescita rispetto al 2020 ma il confronto con gli anni pre-Covid è negativo

Tassa di successione, cos’è e quanto si paga