Borse 21 giugno, Milano apre la settimana in positivo. Lagarde: “La fiducia inizia a crescere”.

MILANO – Borse 21 giugno. E’ un inizio di settimana positivo per i mercati del Vecchio Continente. Una giornata in forte rialzo condizionata sicuramente dalle persone di Christine Lagarde all’Europarlamento. “Le prospettive dell’economia – ha detto la presidente della Bce riportata da La Repubblicastanno davvero migliorando man mano che la situazione pandemica migliora e le campagne di vaccinazione vanno avanti. La fiducia inizia a crescere“.

Un cambio di passo che l’Italia spera di avere anche nella pubblica amministrazione. Nell’ultimo Forum è stato precisato come i dipendenti sono 3,2 milioni, ai minimi ormai da 20 anni.

Borse 21 giugno, Milano in positivo

La settimana dei mercati in Europa si è aperta in positivo. La maglia rosa di questa sessione è stata Francoforte con un guadagno dello 0,95% rispetto alla giornata di venerdì. Molto bene anche Milano (+0,71%), mentre Londra e Parigi hanno segnato rispettivamente uno +0,6% e uno +0,5%.

La giornata dei mercati si era aperta con un trend molto complicato in Asia. Shanghai è stata la migliore con un guadagno dello 0,12%. Crollo improvviso per Tokyo (-3,29%). Male anche Hong Kong (-1,04%) e Seul (-0,83%). Un andamento che potrebbe cambiare nella seconda seduta della settimana. Il Dow Jones ha guadagnato l’1,76%, mentre il Nasdaq lo 0,79%.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread in lieve calo

Per lo spread è stata una giornata più o meno stabile. Il differenziale ha chiuso in area 105 punti, con il rendimento del decennale che si è fissato allo 0,88%. Per quanto riguarda l’euro, invece, la chiusura è avvenuta in leggero rialzo passando la mano a 1,1911 dollari e 131,27 yen. Il Bitcoin ha perso il 5% terminando la seduta in area 32mila dollari.

Seduta stabile per il petrolio. Il contratto Wti in scadenza a luglio ha registrato uno -0,2% a 71,47 dollari al barile. Il Brent ha avuto un calo dello 0,3% a 73,27 dollari al barile.


Cremona è la seconda città più inquinata in Europa

Khaby Lame scavalca Chiara Ferragni: è lui l’italiano più seguito su Instagram